Expo 2015

In Europa uniti contro lo spreco di cibo

Fioriscono in molte città europee le iniziative contro lo spreco alimentare, visto che ogni anno il 50 per cento del cibo prodotto viene gettato in spazzatura.

Food sharing, campagne di sensibilizzazione, corsi di cucina con gli avanzi. Fioriscono in tutta l’Unione europea le iniziative contro lo spreco alimentare, visto che ogni anno il 50 per cento del cibo prodotto viene gettato in spazzatura.

 

Se ne compra troppo, si sbagliano le dosi, si rispettano alla lettera le date di scadenza impresse sulle confezioni. L’Unione europea s’è posta l’obiettivo di ridurre del 50 per cento lo spreco di cibo entro il 2025: sono sempre più numerose le iniziative mirate che coinvolgono amministrazioni, associazioni ed esercizi commerciali, dalla grande distribuzione al singolo bar o ristorante. In questa prima giornata nazionale contro lo spreco di cibo, che riguarda noi italiani e il nostro impegno, diamo un’occhiata alle idee già messe in atto in Europa, per ispirarci, per prendere esempio.

 

In Belgio, nei comuni di Herstal e di Namur una nuova norma impone ai  supermercati di donare i prodotti invenduti ancora buoni alle associazioni di volontariato che li ridistribuiscono alle persone indigenti.

 

A Lisbona con il progetto Refood centinaia di volontari girano in bicicletta per ristoranti, negozi di alimentari, panetterie, supermercati e case dei privati per recuperare il cibo avanzato e lo portano poi alle associazioni che si occupano di assistenza ai poveri sul territorio. Nel quartiere di Nossa Senhora de Fàtima sono più di 100 i locali che aderiscono e più di 300 i volontari; a Telheira ci sono 200 volontari e 150 negozi iscritti.

 

A Helsinki l’attenzione è sul food sharing di quartiere, nell’area di Roihuvuori: gli abitanti possono portare il cibo in eccesso o usufruire di quello a disposizione grazie al progetto “Saa syödä!” (letteralmente: ‘licenza di mangiare’) che è stato messo a punto da alcune società private con il patrocinio del Ministero dell’ambiente.

 

In Danimarca il movimento di consumatori Stop Wasting Food porta avanti la lotta allo spreco alimentare con campagne di sensibilizzazione nelle scuole, conferenze pubbliche e seminari; inoltre, con la collaborazione di noti chef danesi ha realizzato una serie di ricettari (i Leftovers Cookbook) che spiegano come riutilizzare gli avanzi dei pasti per cucinare nuovi piatti.

Articoli correlati