Extinction Rebellion blocca il sito di fracking del Regno Unito

Gli attivisti di Exctintion Rebellion occupano l’ingresso dell’unico sito britannico di fracking, chiedendo al governo di cessare le attività che sono in netto contrasto con la crisi climatica.

Extinction Rebellion, con una manifestazione contro quella che definiscono la “fiorente catastrofe” del riscaldamento globale, ha bloccato l’accesso all’unico sito di fracking attivo nel Regno Unito.

I manifestanti del gruppo ambientalista si sono riuniti fuori dal sito di estrazione del gas di scisto vicino a Blackpool, portandosi una barca gialla che riporta la scritta: “Il Pianeta prima del profitto”.

L’iniziativa è stata promossa con l’intento di rammentare al governo il pesante impatto del fracking sui cambiamenti climatici, sull’inquinamento ambientale e sulla salute umana.


Visualizza questo post su Instagram

A huge thank you to everyone who came to the #summeruprising, we saw an armada of boats take to the streets from Scotland to London. Symbolising the rising seas, and the rising up against the ineptitude of action so far. ⁣ ⁣ If you would like to learn more on how to get involved, visit rebellion.earth, link in bio. Sign up to the newsletter, or search for local groups near to you. You can also search Facebook to find local groups. ⁣ ⁣ We do not stop here, keep your eyes peeled and ears to the ground. We shall rise and rebel again! ⁣ ⁣ #climatechangeisreal #climatechange #climate #globalwarming #TellTheTruth #protest #actnow #disobey #nonviolent #civildisobedience #FridaysForFuture #takeactionnow #directaction #earthstrike #breakthelaw #schoolstrike4climate #climatedeclaration #EcologicalCrisis #climatebreakdown #wildlifewarriors #candidphoto #forthewild #protectearth #forwildlife #protecttheearth #protecttheplanet #extinctionrebellion #rebelforlife #london

Un post condiviso da Extinction Rebellion UK (@xrebellionuk) in data:

Le richieste dei manifestanti

L’azione di protesta arriva 15 giorni dopo che è stato registrato un terremoto di magnitudo 2,9 legato alle attività di fracking con effetti sulle abitazioni presenti per alcuni chilometri attorno al sito di estrazione.

Un portavoce di Extinction Rebellion ha detto che l’obiettivo della manifestazione era quello di sottolineare “la consapevole, cinica inazione del governo in risposta a un’emergenza climatica e ecologica”. La scienza è chiara, dicono i manifestanti, il mondo deve allontanarsi urgentemente da un sistema di consumo e distruzione in continua crescita, totalmente fondato e dipendente dai combustibili fossili. Nonostante ciò il governo è determinato a trovare e sfruttare nuove riserve, sostenendo aziende come Cuadrilla che gestisce il sito di fracking britannico e che vuole aprire un nuovo giacimento di gas nel nord del Paese.

Gli attivisti, in una loro dichiarazione, fanno sapere di essere “al fianco di quelle comunità che hanno resistito tenacemente e pacificamente a questa situazione per anni. Hanno cercato di difendersi dalla minaccia che il fracking rappresenta per l’aria e l’acqua, la loro salute, la loro terra, comprese le loro case, come dimostrato dalle recenti scosse”.

Protesta britannica anti fracking
Protesta britannica anti fracking ©Reclaim the Power/Flockr

La protesta di Extinction Rebellion non ferma le attività di estrazione

L’azienda energetica Cuadrilla ha fatto sapere che le sue operazioni non sono state influenzate dalla protesta e che le attività di estrazione sono continuate. “Non abbiamo alcuna obiezione nei confronti della protesta pacifica e rispettosa della legge, ma riteniamo che i nostri vicini, gli automobilisti che percorrono la strada trafficata, il nostro personale e i nostri appaltatori dovrebbero anche essere in grado di svolgere la loro attività senza interruzioni, disagi o intimidazioni”, ha detto un portavoce di Cuadrilla secondo cui il gas di scisto “potrebbe essere una risorsa molto importante per il Lancashire e il Regno Unito e, nonostante la fratturazione idraulica è attualmente sospesa, vorremmo comunque continuare il nostro lavoro per dimostrare le sue potenzialità”.

Leggi anche Cos’è il fracking (o fratturazione idraulica)

Proteste anti fracking
Proteste anti fracking contro le intenzioni del governo britannico di proseguire nell’estrazione di gas di scisto © David Holt/Flickr

Il fracking nel Regno Unito

Le attività di fracking nel Regno Unito erano riprese nel 2018 dopo che erano state bloccate per sette anni a causa di due terremoti di 2,3 e 1,5 magnitudo. Il 26 agosto scorso l’estrazione di fracking è stata nuovamente sospesa poiché è stato registrato nel sito un nuovo terremoto di  magnitudo 2,9.

Secondo Exctinction Rebellion il governo conservatore britannico sostiene il fracking come un modo per risolvere il fabbisogno energetico del Regno Unito e i ministri stanno valutando la possibilità di allentare le regole di salvaguardia che attualmente impongono il blocco immediato delle attività se si registra anche solo una scossa di magnitudo 0,5.

 

 

 

 

Articoli correlati