27,8 gradi in pieno inverno. Ondata di caldo record in Francia

Nei Pirenei Atlantici, in Francia, il termometro è arrivato a sfiorare i 28 gradi centigradi il 3 febbraio. Valori degni di una giornata estiva.

Fossimo in estate, sarebbe scattata l’emergenza nazionale. La porzione meridionale della Francia ha vissuto nei giorni scorsi un’ondata di caldo estrema per la stagione. Esattamente come accaduto nei mesi di giugno e luglio del 2019, quando si è arrivati a toccare la temperatura più alta mai registrata sul suolo della nazione europea: 45,9 gradi.

Caldo record nell’intera porzione sud-occidentale della Francia

A Biarritz, nei Paesi Baschi francesi (estrema punta sud-occidentale del paese), secondo i dati ufficiali di Météo France, alle 14:30 di lunedì 3 febbraio la colonnina di mercurio ha raggiunto i 26,4 gradi. “Mai era accaduto prima”, ha spiegato il meteorologo Étienne Kapikian. Ma nel piccolo comune di Cambo-les-Bains, nei Pirenei Atlantici, la temperatura ha raggiunti livelli del tutto incredibili in pieno inverno: 27,8 gradi all’ombra alle 15:50. Similmente, nel dipartimento del Var, le stazioni hanno registrato dati da primavera inoltrata: 25,8 a Fréjus, 22,9 a Hyères, 27 a Seillans, 26,6 a Boulou, scorrendo la costa meridionale transalpina. 

E non è tutto. Anche molto più a nord, a Lione, il termometro ha superato i 20 gradi centigradi. Anche in questo caso si è trattato di un record assoluto per un 3 febbraio: mai si era andati al di là dei 18,8 gradi. Allo stesso modo, le temperature minime sono risultate estremamente elevate nella notte tra domenica e lunedì, con “valori degni di serate estive”, ha sottolineato la stampa francese.

biarritz spiaggia francia
Una spiaggia a Biarritz, in Francia © Fred Romero/Flickr

In Corsica temperature minime a 18 gradi

Così, a Calvi, in Corsica, non si è scesi al di sotto dei 18 gradi, mentre a Montpellier si è arrivati appena a 15,3. “Tutto ciò, a lungo andare, avrà conseguenze allarmanti per la biodiversità”, ha commentato il ministero della Transizione ecologica di Parigi.

Nel frattempo, sulla porzione nord-orientale della Francia si sono abbattute piogge torrenziali. Sulla catena montuosa dei Vosgi si è riversato in poche ore, ha spiegato Météo France, l’equivalente di tre settimane di pioggia. Il che ha fatto scattare l’allerta per il rischio di inondazioni in cinque dipartimenti.

Articoli correlati