Diritti umani

Il 20 novembre è la Giornata mondiale dei diritti dei bambini

In questa giornata l’Onu celebra bambini e adolescenti, per ricordare che ancora troppi di loro non godono dei diritti che meriterebbero.

I bambini sono strane creature, in apparenza fragili eppure così forti, possiedono risorse che gli adulti non sognano neppure. “I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto”, scriveva Giacomo Leopardi riassumendo alla perfezione il costante stupore con cui i bambini si affacciano alla vita.

 

bambina fiore
Grazie all’adozione della della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (UNCRC), approvata nel 1989, i bambini non sono stati visti come oggetti passivi che dovevano essere assistiti, ma piuttosto come persone che partecipano attivamente alle decisioni da prendere

Le ripercussioni della violenza sui bambini

Ancora oggi i diritti dei bambini e degli adolescenti vengono calpestati e milioni di essi sono vittime di abusi e sfruttamento. Oltre all’intrinseca atrocità queste violenze hanno anche ripercussioni sociali, culturali ed economiche future, i minori vittime di violenze infatti diventano spesso adulti vulnerabili. Per lottare contro tali abusi il 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza istituita dall’Onu.

 

La storia della giornata

La scelta per la celebrazione ricorda il giorno in cui, nel 1989, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, quello che sarebbe divenuto il trattato sui diritti umani più ratificato della storia.

Bambini vittime della guerra

Le vite di milioni di bambini in tutto il mondo sono sconvolte da guerre e conflitti. La guerra che insanguina la Siria dal 2011, ad esempio, è finora costata la vita ad oltre 10mila bambini e ragazzi sotto i 18 anni. È ancora negli occhi di tutti l’immagine del corpo di Aylan, bambino siriano di tre anni trovato morto su una spiaggia turca, in seguito al naufragio della barca su cui stava viaggiando e con la quale era fuggito dal suo paese con la speranza di arrivare in Canada.

 

Bambina in un campo profughi
La guerra in Siria ha avuto un impatto terribile su milioni di bambini. Tre milioni e settecentomila di loro sono nati dopo il 15 marzo 2011, la data di inizio del conflitto

Il messaggio di Ban Ki-moon

“L’unica cosa che tutti i bambini hanno in comune sono i loro diritti. Ogni bambino ha il diritto di sopravvivere e prosperare, di essere educato, di essere libero da violenze e abusi, di partecipare e di essere ascoltato”, ha dichiarato l’ottavo segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon. Le Nazioni Unite invitano tutti i paesi a celebrare la giornata organizzando eventi volti a promuovere il benessere dell’infanzia.

 

 

bambini

Tanti passi avanti ma la meta è ancora lontana

Nel 1989 il mondo, attraverso la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ha fatto una promessa ai bambini: che avrebbe fatto tutto il possibile per proteggere e promuovere i loro diritti, per consentire loro di crescere e di esprimere il loro pieno potenziale. Da allora molta strada è stata fatta, a cominciare dal calo della mortalità infantile e dall’aumento delle iscrizioni scolastiche, ma ancora tanta ne resta da percorrere, basti pensare che oltre 150 milioni di bambini sono ancora costretti a lavorare rinunciando a svago e istruzione.

Articoli correlati