Cos’è la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione 2017

La desertificazione implica il degrado del suolo che si riflette sull’ecosistema e sulle condizioni di vita umana mettendo ulteriormente a rischio la sicurezza alimentare.

Immaginate un terreno coperto di vegetazione, talvolta perfino foreste, che lentamente si inaridisce, lasciando spazio ad un infertile deserto. Mentre i boschi di tutto il pianeta si stanno riducendo i deserti sono in continua espansione, ogni anno circa sei milioni di ettari di terreno subiscono il processo di desertificazione.

Pastore con la sua capra
Secondo l’Onu è indispensabile un cambiamento nelle nostre pratiche di uso del suolo attraverso l’agricoltura sostenibile e l’adattamento ai cambiamenti climatici

Le cause della desertificazione

Questo fenomeno è principalmente dovuto ad attività antropiche come la deforestazione e la distruzione della biodiversità vegetale per fare posto ai pascoli per il bestiame, le coltivazioni intensive e la gestione scorretta delle risorse idriche. La desertificazione rappresenta una delle minacce più gravi cui l’intero pianeta deve far fronte, dal cibo che mangiamo, ai vestiti che indossiamo, fino alle case in cui viviamo, tutto deriva dalle risorse del territorio, in grave pericolo a causa del degrado del suolo.

Processo di desertificazione
L’aumento esponenziale dell’erosione del suolo e della desertificazione è frutto delle attività antropiche e della dissennata gestione delle risorse naturali

Desertificazione e migrazione

Il problema è particolarmente grave in alcune zone del mondo, come il continente africano, ma coinvolge direttamente anche l’Occidente. Secondo gli studiosi entro il 2020, a causa della desertificazione, circa 60 milioni di persone migreranno dall’Africa subsahariana verso l’Africa settentrionale e l’Europa. Il 17 giugno si celebra la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione istituita dalle Nazioni Unite nel 1994. L’obiettivo della giornata è quello di porre in primo piano il problema della desertificazione, per intensificare gli sforzi per contrastare gli effetti della siccità e per promuovere l’attuazione della convenzione delle Nazioni Unite contro la desertificazione (Unccd).

Bambino pianta un albero
La piantumazione di alberi è un metodo efficace per contrastare la desertificazione

Degrado del suolo e migrazione

L’edizione della giornata del 2017, il cui slogan è Degrado del suolo e migrazione, mira a esaminare l’importante legame tra il degrado del suolo e i fenomeni migratori. Lo sfacelo ambientale, unito all’insicurezza alimentare e alla povertà, rappresenta una delle principali cause di migrazione. In soli 15 anni il numero dei migranti in tutto il mondo è passato dai 173 milioni registrati nel 2000 ai 244 milioni del 2015. La celebrazione vuole infine ricordare l’importanza delle comunità locali che possono adottare pratiche sostenibili di gestione del suolo, salvaguardando il proprio ambiente e contrastando la desertificazione.

Articoli correlati
Per proteggere le spiagge salviamo le dune

Senza le dune non esisterebbero nemmeno le spiagge. Ecco perché il progetto europeo Redune sta tentando di salvare parte della fascia litorale veneta, mettendo a dimora oltre 150mila piante.