Greta Thunberg dona un milione di euro alle organizzazioni non governative

Greta Thunberg ha ricevuto un premio da una fondazione portoghese. E ha deciso di versare l’intero importo alle ong impegnate nella difesa del clima.

Greta Thunberg verserà per intero un premio ricevuto dalla fondazione portoghese Calouste Gulbenkian a delle organizzazioni non governative che si occupano di difesa dell’ambiente e di lotta ai cambiamenti climatici. La somma è particolarmente importante: un milione di euro in tutto.

Greta Thunberg ha scelto progetti di sostegno ai più vulnerabili di fronte ai cambiamenti climatici

“L’integralità di questo premio sarà redistribuita dalla mia fondazione a diverse associazioni per progetti che puntano a sostenere le persone colpite dai cambiamenti climatici, con particolare riferimento a quelle che sono impegnate nel sud del mondo”, ha dichiarato la giovane militante svedese.

Primo piano di Greta Thunberg al Parlamento europeo
Greta Thunberg al Parlamento europeo © Kenzo Tribouillard/Afp/ Getty Images

Una donazione da 100mila euro andrà ad esempio all’organizzazione non governativa Sos Amazonia, che si occupa di fornire aiuti medici e sanitari alle comunità indigene durante la crisi provocata dalla diffusione del coronavirus. Un’altra, dello stesso importo,  verrà versata all’associazione Stop Ecocide, che conduce una battaglia legale presso la Corte penale internazionale affinché venga riconosciuto dalla giustizia il crimine di distruzione di ecosistemi.

Superate le 100 settimane di sciopero per il clima

L’attivista svedese ha inoltre festeggiato le 100 settimane di mobilitazione per il clima. È infatti da due anni che la giovane scandinava ha cominciato gli scioperi del venerdì con il duplice obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del riscaldamento globale e spingere imprese e governi ad agire.

Articoli correlati
Economia circolare, l’Europa accelera

La Commissione europea ha annunciato l’adozione di una strategia per ridurre rifiuti e uso di materie prime grazie all’economia circolare. Tra gli obiettivi: imballi più semplici, fatti con un solo materiale, e riutilizzabili