Le Hawaii sono il primo stato Usa a “firmare” l’Accordo di Parigi, alla faccia di Trump

Numerosi stati federali americani vogliono aderire nei fatti all’Accordo di Parigi. Le Hawaii si sono già dotate di una legge, in risposta a Donald Trump.

Le Hawaii sono diventate il primo stato federale americano a “firmare” l’Accordo di Parigi, impegnandosi a fare la loro parte per ridurre le emissioni di CO2. A pochi giorni dalla conferenza stampa di Donald Trump, che ha fatto sobbalzare il mondo intero attaccando frontalmente il documento, il governatore delle isole del Pacifico, David Ige, ha risposto così nel modo più efficace: impegnandosi formalmente a contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici.

Una legge “allinea” le Hawaii all’Accordo di Parigi

Nello specifico, le Hawaii non hanno potuto firmare l’Accordo (atto che è in capo, come noto, al governo federale). Hanno però promulgato una legge che impone la conservazione dell’integrità ambientale dell’arcipelago, a partire dalle coste e dalle foreste, e che di fatto recepisce le indicazioni del testo delle Nazioni Unite. “Le nostre isole sono particolarmente esposte, siamo i primi a renderci conto delle conseguenze dell’inazione”, ha spiegato il governatore. Al suo fianco dovrebbero allinearsi a breve una dozzina di altri stati, tra i quali quello di New York e la California (ma anche il territorio non incorporato di Porto Rico).

Proprio la scorsa settimana, il governatore della California Jerry Brown, si è recato in Cina per una serie di incontri sulla questione climatica. In particolare, il dirigente è rimasto a lungo a colloquio con il presidente cinese Xi Jinping, a differenza del segretario di stato all’Energia di Donald Trump, Rick Perry, che è stato sostanzialmente ignorato dalle autorità di Pechino.

All’inizio della settimana, inoltre, l’ex sindaco di New York Michael Bloomberg ha fatto recapitare alle Nazioni Unite una lettera firmata da mille organizzazioni tra imprese (tra le quali Apple, Google, Amazon, Nike) e enti locali, per sostenere le politiche di lotta ai cambiamenti climatici. La fondazione Bloomberg Philanthropies devolverà inoltre 15 milioni di dollari all’Unfccc, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sotto la cui egida è stato siglato l’Accordo di Parigi.

Nell’immagine di apertura, il governatore delle Hawaii David Ige subito dopo aver firmato una legge che “allinea” lo stato federale americano all’Accordo di Parigi ©Profilo David Ige/Flickr
Articoli correlati