I suoni che diventano sculture

Grazie alle tecnologie digitali e alla stampa 3d, uno studio grafico di Brooklyn trasforma i suoni e le canzoni in suggestive sculture.

Visualizzare la musica non sembra più solo una consuetudine asettica, attraverso lo schermo di un computer o di un lettore multimediale, ma una vera e propria esperienza sinestetica alla portata di tutti. Da oggi, ogni genere di musica, canzone e suono, un discorso poetico o il gemito di un neonato, può diventare un oggetto di design.

La piattaforma newyorkese Reify, fondata dalla designer, sociologa e storica dell’arte Allison Wood, ha sviluppato un software che rende la musica materica, tramutando le onde sonore di qualsiasi fonte in sculture di bronzo, plastica o addirittura guscio di cocco che vengono stampate in 3d. Il programma ideato dal team della Wood sarebbe in grado di analizzare lo stato d’animo, il carattere e il colore ipotetico della sorgente audio per generare stampe 3d dalle geometrie sinuose, che si possono vedere, toccare e conservare. In questo modo qualunque ricordo, anche il più effimero, potrebbe trasformarsi in un oggetto reale senza tempo.

 

[vimeo url=”https://vimeo.com/122162493″]

Ma non è tutto. Reify ha realizzato anche una app in realtà aumentata per smartphone che, con un processo inverso, scansiona le sculture convertendole nuovamente in audio. La realtà aumentata rende queste ultime dinamiche e interattive, arricchendole di informazioni e contenuti virtuali che non sarebbero percepibili con i cinque sensi. Le sculture prendono quindi vita e suonano la traccia da cui hanno avuto origine.

Articoli correlati
Le canzoni più belle dell’estate 2020 secondo LifeGate Radio

Per chi non avesse la possibilità di ascoltare LifeGate Radio in FM oppure online ecco una playlist con le canzoni che ci terranno compagnia durante questa estate. La lista sarà aggiornata periodicamente quindi provate a ripassare. La trovate anche su Spotify, sul nostro profilo LifeGate Radio.