Il 31 maggio è la Giornata mondiale senza tabacco

La giornata istituita dall’Oms vuole evidenziare i rischi per la salute associati al consumo di tabacco e sostenere politiche efficaci per ridurne il consumo.

Il rapporto tra l’uomo e il fumo ha origini antiche, alcune civiltà precolombiane lo utilizzavano per mettersi in contatto con le divinità, il fumo aveva dunque una funzione sacra. Oggi, chiaramente, questa accezione non esiste più sebbene i fumatori, probabilmente, considerino comunque sacre le sigarette.

Il fumo viene considerato dagli esperti alla stregua di una tossicodipendenza proprio perché genera assuefazione, eppure viene tollerato dai governi perché produce ingenti guadagni grazie ai monopoli di stato.

Leggi anche: Il fumo è un killer anche per gli animali secondo una nuova ricerca scozzese

giornata mondiale senza tabacco fumo sigarette
Il fumo provoca oltre 7 milioni di morti ogni anno © Stas Svechnikov/Unsplash

L’obiettivo della Giornata mondiale senza tabacco

Il 31 maggio si celebra la Giornata mondiale senza tabacco, indetta nel 2003 dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità. L’obiettivo della giornata è quello di contrastare un vizio al quale sono correlate oltre sette milioni di morti annuali in tutto il mondo. Il fumo è infatti tra le principali cause di numerose patologie cronico-degenerative a carico dell’apparato respiratorio e cardiovascolare.

Il tema dell’edizione del 2018 è “Il tabacco spezza i cuori. Scegli la salute, non il tabacco”. Il fumo ha un grosso impatto sulla salute cardiovascolare delle persone nel mondo: può causare malattie coronariche, infarto e vasculopatie periferiche. Nonostante i gravi danni che il consumo di tabacco provoca al cuore, non tutti sono a conoscenza del problema – si fa spesso riferimento ai polmoni, ma non sono l’unico organo minacciato dall’uso di sigarette.

Anche quest’anno l’Oms sottolinea l’importanza dell’adesione di almeno 40 nazioni al Protocollo per eliminare il commercio illecito di prodotti del tabacco, documento già sottoscritto da 35 paesi e dall’Unione europea.

Articoli correlati
Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro

La letteratura ha un potere immenso, semplici simboli convenzionali uniti in una certa maniera come in una formula alchemica danno vita a risultati sorprendenti, capaci di generare rivoluzioni non meno potenti di quelle dettate dalla scienza.

Carlo Ripa di Meana, la storia di un grande uomo dietro a una grande donna

Di tutte le bellissime storie d’amore e generosità che si leggono ormai sui social, come al solito la più tristemente bella proviene dalla realtà. E noi non finiremo mai di stupirci di quante persone seguano rapidamente di là le persone che se ne vanno. Come ha fatto Carlo Ripa Di Meana. Un grande ambientalista, un grande galantuomo.