Il cinema racconta le montagne al Banff Mountain Film Festival

È partito ieri da Torino, il tour italiano – parte di quello internazionale –  del Banff Mountain Film Festival: una rassegna di nove giorni in cui i riflettori sono puntati sui migliori film e libri di montagna del mondo con ospiti internazionali, autori, registi, alpinisti, climber ed esploratori provenienti da ogni angolo del globo. Nato

È partito ieri da Torino, il tour italiano – parte di quello internazionale –  del Banff Mountain Film Festival: una rassegna di nove giorni in cui i riflettori sono puntati sui migliori film e libri di montagna del mondo con ospiti internazionali, autori, registi, alpinisti, climber ed esploratori provenienti da ogni angolo del globo. Nato nel 1986 come un piccolo progetto, il World Tour e i suoi film oggi “viaggiano” in oltre 40 Paesi, raggiungendo circa 440.000 spettatori, per un totale di circa 930 serate, in circa 475 città.

 

 

L’accurata selezione dei migliori film viene proposta in giro per il mondo e, dal 2013, è presente anche in Italia. Quest’anno tra le tappe nostrane: Milano, Bergamo, Bologna, Udine, Genova, Firenze, Bolzano, Champolouc-Ayas e molte altre; per trovare quella più vicina a voi, consultate il sito italiano del Festival http://www.banff.it/.

 

Il Banff prende il suo nome dalla cittadina canadese dove è nato ed è considerato uno dei più prestigiosi e dinamici festival di settore e ha visto tra i suoi ospiti personaggi quali Sir Edmund Hillary, Jon Krakauer, Aaron Ralston, Riccardo Cassin, David Breashears, Reinhold Messner, Alex Lowe, Royal Robbins e molti altri.

 

Al costo di pochi euro avrete l’opportunità di vivere forti emozioni, di essere per qualche ora tra i ghiacci più estremi e cime quasi irraggiungibili. Lo scopo del World Tour infatti è quello di offrire a chi non ha potuto vivere la festa del festival direttamente in Canada un concentrato rappresentativo di quanto è accaduto.

 

L’elenco dei film inclusi nel World Tour comprende solo alcuni dei film vincitori, ma non tutti, poiché tra i premiati dalla giuria ci sono a volte pellicole non ritenute adatte al pubblico internazionale.

 

Un appuntamento molto atteso dagli amanti delle montagne e soprattutto degli sport estremi tra le vette, ma anche una piacevole scoperta per chi ama l’avventura e l’adrenalina che solo la natura maestosa sa dare.

Buona visione a tutti!

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Montagna e alpinismo in cinemascope

Non solo l’estetica paesaggistica o la trepidazione avventurosa di imprese temerarie, ma anche l’intreccio di vicende biografiche dei protagonisti, le relazioni umane, le testimonianze dirette e i dettagli tecnici per i cultori del genere: tali e tanti appaiono gli “ingredienti” cinematografici capaci di conferire alla vita di montagna e alle pratiche alpinistiche la dignità di

Geopolitica del cibo in video a Trento

Dagli sprechi alimentari alle filiere produttive, dalla denutrizione alla biodiversità percorrendo gusti, costumi e paesaggi di Europa, Asia, Africa e America Latina: è con questo fitto ordine del giorno che la rassegna “Tutti nello stesso piatto”, ovvero il Festival Internazionale di Cinema, Cibo e Biodiversità, giunto quest’anno alla VII edizione, ci delinea un’interessante mappa geopolitica

Sudafrica, meraviglia australe tra oceano e savane

Alla scoperta di uno dei Paesi più ricchi di flora e fauna al mondo, dove passare dall’avvistamento di pinguini e balene nelle baie all’osservazione dei grandi erbivori e carnivori africani nelle savane.

Articolo sponsorizzato
Tibet al cinema

Interessante vedere oggi come il Tibet percorra il nostro cinema, la nostra musica, il nostro immaginario collettivo. alcuni films consigliati da noi

Hayao Miyazaki

Dal Giappone, il cinema di animazione di Hayao Miyazaki propone vere e proprie favole moderne, per adulti e bambini, con messaggi ecologici e riflessioni su globalizzazione e inquinamento planetario.