Il Fado di Ana Moura approda in Italia

Oltre a essere la più importante cantante di fado sulla scena portoghese, Ana Moura si sta consacrando anche sulla scena mondiale.

Grazie alla sua voce particolarissima, è
già considerata dalla critica musicale internazionale come
l’erede di Amalia Rodrigues e vanta fra i suoi fan
artisti del calibro di Prince e Rolling
Stones
.

La carriera di Ana Moura assomiglia un po’ a una favola: durante la
sua adolescenza, a una festa di Natale a cui partecipavano molti
musicisti di fado, Ana si esibisce in alcune canzoni e la cantante
Maria da Fé ne rimane tanto colpita da
invitarla la sera stessa a cantare nella sua sala di fado, il Sr.
Vinho.

Il primo disco di Ana Moura – Guarda-me a Vida na
Mão
– esce nel 2003 e l’anno successivo esce
Aconteceu, un doppio album diviso in 2 area a
tema: il primo disco “A Porta do Fado” si avvicina al fado
classico, il secondo “Dentro de Casa” riporta al fado tradizionale.
All’uscita dell’album Ana è invitata a esibirsi alla
prestigiosa Carnegie Hall
di New York, diventando la prima cantante
portoghese a cantare in questo luogo leggendario.

 

Nello stesso periodo Tim Ries (il sassofonista dei
Rolling Stones) colpito dalla voce di Ana, la invita a partecipare
al secondo volume di un suo progetto, il Rolling Stones
Project
e nel giugno 2007 Mick Jagger
la sorprende invitandola a salire con loro sul palco dell’Alvalade
XXI Stadium di Lisbona di fronte a 30.000 spettatori per duettare
insieme su “No expectations”.

Questa non è la prima volta che Ana si esibisce in Italia:
lo scorso anno l’artista si è esibita a Torino e qui la
leggenda continua. Si dice, infatti, che durante quel concerto sia
arrivato ad ammirarla Prince, il folletto di
Minneapolis, e che sia salito sul palco per accompagnarla con la
chitarra. Anche in questo caso sembra che ci sia in cantiere un
duetto.

L’ultimo album della nuova scerdotessa del Fado, Leva-me
aos Fados
, è del 2009 ed è stato premiato
alla cerimonia Globos de Ouro come migliore interprete
individuale.

Ana si esibirà dal vivo mercoledì 23
novembre
al Teatro Grande di
Brescia e giovedì 24 al
Teatro Colosseo di Torino.

Articoli correlati
Il trolley è fermo, noi no

La cooperazione allo sviluppo sta trovando nuovi ritmi. È un mutamento solo di forma e mezzi o di contenuti e senso? La risposta nell’editoriale di Avsi.