Il modello danese sceglie la bicicletta

Se andassimo in bicicletta quanto i danesi, la qualità di vita migliorerebbe. È il consiglio che l’Organizzazione mondiale della sanità dà all’Europa.

Se le città europee copiassero Copenaghen si potrebbero salvare 10mila vite ogni anno e creare quasi 77mila posti di lavoro. Questo significa che se si iniziasse a usare la bicicletta quanto la usano gli abitanti della capitale della Danimarca, l’inquinamento crollerebbe riducendo drasticamente i pericoli per la salute. In più si potrebbero creare figure professionali nel settore della mobilità sostenibile. È il consiglio che l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) si è sentita di dare all’Europa durante il quarto incontro su trasporti, salute e ambiente organizzato insieme alla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (Unece).

 

I danni del traffico

Il settore dei trasporti contribuisce a creare occupazione e a migliorare la qualità della vita delle persone che si spostano per piacere o lavoro. Ma gli impatti ambientali e sulla salute sono ancora troppo alti e rischiano di incidere sulla crescita economica di un paese. Secondo i dati dell’Oms, il traffico e gli incidenti provocano 590mila morti premature all’anno. Non solo, la CO2 prodotta dai trasporti è pari al 24 per cento del totale emesso in Europa e America del Nord.

 

Fare come Copenaghen

Adottando le abitudini della capitale danese le cose cambierebbero radicalmente. Qui un quarto delle persone, il 26 per cento, si sposta in bicicletta. Fa meglio solo Amsterdam, nei Paesi Bassi, con il 33 per cento. Se Roma pedalasse quanto Copenaghen si darebbe lavoro a più di 3.200 persone e si salverebbero 154 persone. Raggiungere queste percentuali in tutte le capitali europee vorrebbe dire salvare almeno 10mila delle vittime causate dall’inquinamento ambientale. Aiuterebbe a creare 76.600 posti di lavoro nel campo della manutenzione e della vendita di biciclette, vestiti e accessori per ciclisti. Contribuirebbe a ridurre le emissioni di CO2 responsabili del riscaldamento globale. Questa è la ricetta per trasformare Roma da città eterna a città perfetta.

Articoli correlati