Come scappare dal”non amore” per se stessi

Si è diffusa l’aspettativa che tocchi agli risolvere i nostri problemi, sminuendo la considerazione di noi stessi. Questo “non amore” ha delle conseguenze

Nel mondo super specializzato di oggi, si è diffusa l’aspettativa che siano sempre gli altri a risolvere i nostri problemi: chiediamo al medico di guarirci, allo psicologo di ristabilire il nostro equilibrio, al farmaco di sollevarci, alla televisione di divertirci.

Riporre la nostra fiducia in modo così esagerato in qualcuno o qualcosa d'”altro” tende a sminuire la considerazione che abbiamo di noi stessi e ad allontanarci dal nostro centro di equilibrio. Diventiamo meno presenti, ci fidiamo meno di noi stessi e, di conseguenza, ci amiamo anche di meno.

Questo “non amore” non rimane senza conseguenze. Tra le prime, quella di dover dominare l’altro oppure di voler sempre dimostrare, anche con la forza, la propria ragione. Sono atteggiamenti che si esprimono a parole, attraverso la tendenza a criticare aspramente, o a fatti, con la violenza, che può sfociare – in macro – nei conflitti bellici. Ma sono solo palliativi, sono tentativi di innalzare se stessi abbassando l’altro, di recuperare la stima di sé e l’amore di sé” penalizzando” altri.

Questa mancanza di amore per sé stessi porta a un’altra conseguenza: la fuga. Se ci sentiamo in difficoltà, se siamo in situazioni che rischiano di minare la nostra fragilità, tendiamo a scappare. La fuga si esprime con l’allontanamento, l’indifferenza verso chi soffre o il non ascolto all’altro, per non farsi risucchiare dentro il suo mondo… problematico.

Per amarsi, invece, bisogna ritrovare il proprio potere personale, dato dalla padronanza su noi stessi e non più sugli altri; dato dal recupero di una propria centralità e dalla capacità di accettarsi e valorizzarsi per ciò che si è.
Ecco un breve esercizio per cominciare a dirigersi in questa nuova direzione:

  • Pensate a qualcuno che vi vuole bene (può trattarsi anche di una persona non più in vita).
  • Chiedetevi cosa questa persona trova, o ha trovato, di così interessante, cosi bello in voi, da volervi tanto bene.
  • Quando trovate almeno 3 risposte, conservatele dentro di voi, ripetendole ad altra voce, o semplicemente riflettendo su di esse, e lasciando che trovino uno spazio dentro la vostra mente.

Questa cura ricostituente, ripetuta diverse volte, ci eviterà di sentirci troppo vulnerabili o di abusare del nostro potere quando siamo in compagnia di altri; aumenterà il nostro “conto corrente emotivo”, in modo da farci aprire al mondo con abbondanza, piuttosto che con povertà.

Le persone, constatando che ci vogliamo bene, si sentiranno investite dalla nostra carica vitale più, armoniosa, creando situazioni in cui le possibilità di incontro autentico e amore reciproco aumentano in modo considerevole.

 

Articoli correlati
La risposta è ancora la pace

Deepak Chopra, propone una strategia alternativa per sconfiggere la cultura della guerra: ‘Non c’è una via della pace, la pace è la via’.

La lettura come tesoro interiore

Marcel Proust sulla lettura dice cose superbe, là ove afferma che essa “… è una forma di amicizia, la più sincera, perché con i libri non ci sono convenevoli.

La paura di cambiare

Il cambiamento è un fenomeno continuo e naturale, e la capacità di adattamento consiste nel saper essere flessibili e assecondare il flusso della vita. Ma non è così semplice.

L’origine dell’universo

Yin e Yang generano insieme il Tao, letteralmente la “Via”, il principio eterno dell’armonia celeste e terrena, l’universo.

Filosofia naturopatica

La filosofia dei è quella di svolgere il duplice ruolo di terapisti e di educatori, per infondere una maggiore consapevolezza dei metodi terapeutici