Protetto: Insieme per gli impollinatori, l’impegno di LifeGate con Coop Alleanza 3.0

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Bee My Future, il nostro futuro è nelle loro ali

Le api e gli altri insetti impollinatori sono in pericolo. Negli ultimi anni si è assistito a uno spopolamento, cominciato nel 2006, che ha colpito soprattutto le api operaie di Europa e Stati Uniti. Le cause sono molte, dai parassiti alla perdita di habitat, anche se quella principale sembra l’uso di tre particolari insetticidi che

Il fiore che salva le api

Un team italiano di scienziati dell’Università di Pisa ha recentemente evidenziato con prove scientifiche l’utilità di coltivare a ridosso degli alveari strisce di Vedovina maggiore (Cephalaria transsylvanica). È una specie che fiorisce durante l’autunno, stagione normalmente caratterizzata da carenza di polline e nettare. Lo studio, condotto da Angelo Canale, Giovanni Benelli e Stefano Benvenuti del

Salvare bombi e api, l’Unione europea ci crede

Un quarto delle specie di bombi presenti in Europa è a rischio estinzione a causa della perdita di habitat e del cambiamento climatico. Se i bombi dovessero estinguersi potremmo dire addio all’impollinazione delle coltivazioni così come a un valore economico pari a miliardi di euro.   Il richiamo arriva dall’Unione mondiale per la conservazione della

Pesticidi killer per le api, la Commissione europea può vietarli

I governi degli stati dell’Unione europea hanno fallito, venerdì scorso, nel trovare un accordo per vietare tre pesticidi ampiamente diffusi, sospettati di essere linkati al declino delle popolazioni di api. Ma la Commissione europea potrebbe forzarli a una decisione, entro quest’estate, verso un nuovo divieto. Un consistente declino nel numero di api in tutto il