Tenere in forma mente e corpo con la psicofitness

La psicofitness unisce neurobiologia, psicologia, psichiatria, scienze dell’alimentazione, meditazione e spiritualità, per donare all’organismo armonia interna ed esterna.

di Cristina Berta

Per sentirsi bene occorre un benessere che armonizzi tutti gli aspetti della nostra vita, ci faccia ritrovare autostima abbandonando vecchi schemi. Per raggiungerlo è nata la psicofitness. È una disciplina che si muove trasversalmente tra molte materie, partendo dalla neurobiologia, alla psicologia, alla psichiatria, alla scienza dell’alimentazione, fino ad arrivare alla meditazione, in grado di apportare benefici a corpo e mente.

Uomo ammira un laghetto alpino in Piemonte
Il protocollo di intervento generale dello psicofitness prevede “passeggiate in città, negli spazi verdi, lungo le spiagge marittime o lacustri, lungo le sponde fluviali, attraverso percorsi di montagna, in tutte le stagioni dell’anno e in orari nei quali si possa praticare una sana attività psicofisica” © Ingimage

Una nuova concezione

Con la scienza come base, questo testimonia la complessità del nostro essere umano. Accettare questa complessità significa abbandonare l’orientamento passato in cui carne e mente erano tenuti rigorosamente separati, per  orientarci verso un nuovo cammino.

Come si sviluppa la psicofitness

Questo modello educativo-formativo, terapeutico e riabilitativo, si sviluppa attraverso il  buon funzionamento di tre sistemi, governati in modo strettamente interdipendente dal cervello omeostatico, la parte del cervello più arcaica e profonda. E si parlano costantemente con un linguaggio biochimico.

Leggi anche

L’equilibrio organico

Lo sport, soprattutto quello aerobico, in questo senso aiuta a raggiungere una sensazione di benessere generale e di fiducia nelle proprie possibilità fisiche e psicologiche.

Donna che corre ai piedi delle Dolomiti
Gli sport aerobici sono attività fisiche a bassa intensità, che richiedono cioè una frequenza respiratoria non troppo alta ma che deve essere mantenuta per lunghi periodi di tempo © Ingimage

L’equilibrio cardiocircolatorio

Se il battito non può essere governato con la mente come la respirazione, la psicofitness insegna che le emozioni positive rendono il nostro cuore più vivace ed armonico, mentre quelle negative lo fanno diventare più capriccioso e rigido.

L’equilibrio della respirazione

Un funzionamento armonico ed efficiente della respirazione garantisce il giusto rifornimento di ossigeno al nostro corpo e permette la rapida eliminazione dell’anidride carbonica. Discipline come lo yoga possono aiutare a reimpossessarsi di una respirazione naturale e regolare.

Cibi per un'alimentazione sana
La psicofitness prevede anche l’orientamento del paziente all’educazione alimentare per il recupero del sé corporeo © Ingimage

Un toccasana per mente e cuore

Al di là di  una corretta alimentazione, ci sono elementi nutritivi indispensabili per lo sviluppo psico-cognitivo della nostra mente: la vitamina E (contenuta nei semi oleosi, in frutta e verdura); gli acidi omega 3 (nel pesce); il magnesio; la vitamina C. La psicofitness, insomma, vuole proporre di insegnarci a decondizionarci dai bisogni indotti dalla cultura del mercato per indirizzarci verso le esigenze più autenticamente naturali, non solo in termini di calorie necessarie a far funzionare il nostro organismo, ma anche in relazione ad alimenti che ci diano una sensazione di benessere e appagamento.

Articoli correlati