Come l’ondata di caldo in India ha colpito le persone vulnerabili e indifese

L’ondata di caldo in India ha colpito duramente milioni di persone che lavorano sotto il sole cocente per guadagnarsi da vivere. Morte oltre 100 persone.

Calcutta, 21 giugno. Sudip Saha è un giovane fotografo freelance che vive a Calcutta, la capitale dello stato del Bengala occidentale, nell’India orientale. Il 27enne lavora per diverse ore sotto il sole cocente per girare immagini per i suoi clienti che lo assumono per il lavoro.

Guadagna abbastanza ogni mese per gestire la sua famiglia che include i suoi genitori anziani. Ha una grande passione per la sua professione, ma il forte caldo e l’umidità delle scorse settimane gli hanno fatto pensare di aver scelto una fonte di sostentamento sbagliata che comporta un’esposizione continua al calore. “Il clima è semplicemente insopportabile ora. Fa troppo caldo per uscire di casa durante le ore diurne, ma la mia professione mi impone di lavorare continuamente sotto il sole cocente. Sono nato in questa città, ma non ho mai affrontato una situazione così prima d’ora”, dice aggiungendo che nell’ultimo mese si è ammalato due volte a causa del caldo estremo.

Fotografo in India
Sudip Saha mentre lavora a Calcutta © Gurvinder Singh

Sentivamo parlare di cambiamenti climatici e riscaldamento globale, ma ora è una realtà davanti a noi. È difficile sopravvivere con questo tempo inclemente. Potrei passare a un altro lavoro dove posso lavorare comodamente dai condizionatori d’aria se la situazione continua a rimanere la stessa – Sudip Saha

Tuttavia, non è il solo ad affrontare le difficili condizioni climatiche, ma milioni di persone stanno affrontando la stessa situazione in India, dove quest’anno le estati sono state insolitamente dure e le ondate di calore hanno provocato diverse centinaia di vittime in tutto il paese.

Quasi 100 morti per un’ondata di calore

Sono circa cento le vittime dell’ondata di caldo soffocante che ha colpito a giugno i due stati del Bihar e dell’Uttar Pradesh, tra le regioni più popolose e colpite dalla povertà dell’India. I medici hanno affermato che la maggior parte dei deceduti aveva più di 60 anni e aveva precedenti disturbi di salute che si sono intensificati a causa delle gravi ondate di caldo.

India
Chi lavora all’aperto subisce forti conseguenze delle ondate di calore © Gurvinder Singh

Il grave impatto dei cambiamenti climatici potrebbe essere misurato dal fatto che il termometro a Delhi, la capitale della nazione, ha superato i 46 gradi Celsius, a maggio di quest’anno.

Il drastico aumento della temperatura ha reso la vita infernale per la popolazione povera del paese, in particolare i lavoratori giornalieri, edili e milioni di altre persone che lavorano sotto il sole cocente per guadagnarsi da vivere ogni giorno.

Manoj Pandey, un operaio edile nel distretto di Munger nel Bihar, ha ammesso che l’aumento del costo dei materiali alimentari non gli ha lasciato altra alternativa che lavorare in queste condizioni, anche a costo della sua stessa vita. Il 34enne guadagna Rs 500 (circa 6 euro) al giorno dopo aver lavorato per 8-9 ore. “È difficile rimanere inattivi anche solo per un giorno in casa perché sono l’unico che lavora della mia famiglia che comprende i miei quattro figli, mia moglie e  mia madre. Nell’ultimo mese ho sofferto di disidratazione tre volte. I medici mi hanno consigliato il riposo, ma la mia famiglia andrebbe a dormire affamata se restassi a casa”.

Pozzo d’acqua in India
La scarsa reperibilità dell’acqua è un problema che l’India deve affrontare ogni estate © Gurvinder Singh

Il problema dell’ondata di caldo è aggravato dalla grave carenza di acqua in diverse sacche del paese dove il livello della falda acquifera è precipitato al livello più basso e diversi pozzi tubolari si stanno prosciugando costringendo le donne a camminare per distanze maggiori per una tanica d’acqua che spesso non è abbastanza a causa di un enorme divario tra domanda e offerta.

I ricercatori hanno già indicato che l’India e la Cina sarebbero gravemente colpite dalla crisi idrica con settori come l’agricoltura e la produzione a sopportarne il peso maggiore.

Il problema della deforestazione

Uno studio pubblicato dai meteorologi indiani nel 2021 aveva scoperto che le ondate di calore hanno causato più di 17mila vittime negli ultimi 50 anni.

I mesi estivi da aprile a giugno sono generalmente i più caldi nella maggior parte dell’India, ma le temperature sono diventate più intense nell’ultimo decennio.

Gli ambientalisti affermano che la massiccia deforestazione unita all’aumento delle emissioni di gas serra hanno reso il clima più caldo ogni anno che passa: “Siamo noi quelli da incolpare per la condizione attuale poiché le temperature globali stanno aumentando a causa della massiccia deforestazione e delle emissioni di serra, rendendo il pianeta più caldo. È probabile che l’India assisterà a ulteriori ondate di calore simili nel prossimo futuro. La situazione può essere invertita solo se l’ambiente viene protetto e vengono piantati più alberi”, ha sottolineato Tuhin Subhra Mandal, un ambientalista con sede nel Bengala occidentale.

India
La massiccia deforestazione in India aumenta le problematiche dei cambiamenti climatici © Gurvinder Singh

L’India ha già promesso di raggiungere la sua capacità di energia non fossile a 500 gigawatt entro il 2030, di soddisfare il 50% del suo fabbisogno energetico da energia rinnovabile entro lo stesso anno. È giunto il momento di agire prima che sia troppo tardi.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi