Gli italiani vorrebbero riconosciute le coppie omosessuali, ma l’Italia tentenna

Tre italiani su quattro vorrebbero che le coppie omosessuali venissero riconosciute ufficialmente dallo stato che, nel frattempo, prende – perde – ancora tempo.

L’Italia è l’unico paese (insieme alla Grecia) dell’Europa che siamo soliti definire occidentale a non aver riconosciuto in alcun modo il matrimonio tra coppie omosessuali o qualsivoglia altra forma di unione civile tra persone dello stesso sesso.

 

In Francia, in Spagna, ma anche nel Regno Unito, fino ad arrivare alla lontana Islanda e alla cattolicissima Irlanda, due donne o due uomini possono unirsi in matrimonio secondo le leggi dello stato. In Germania, in Austria, ma anche nella “rigida” Ungheria una coppia omosessuale può essere riconosciuta da una forma di unione civile.

 

coppie-omosessuali-europa

 

In Italia no, in Italia due persone che si amano possono diventare coppia solo se sono di sesso opposto, altrimenti, per lo stato, non può esserci “amore”. Questo nonostante il parlamento e il governo guidato da Matteo Renzi abbiano più volte promesso l’adozione di una legge adeguata sul tema.

 

Se questo non bastasse, fa ancora più impressione sapere che secondo un sondaggio tre italiani su quattro sono favorevoli al riconoscimento delle coppie omosessuali (74 per cento), nonostante l’opposizione di un attore influente nel paese come la chiesa cattolica. La percentuale è superiore al 50 per cento anche se si considerano solo i cattolici praticanti in Italia: il 62 per cento, diviso tra chi si ferma al riconoscimento delle unioni civili (37 per cento) e chi vorrebbe addirittura il matrimonio (25 per cento).

 

pedoni-gay
© Joerg Koch/Getty Images

 

Il sondaggio condotto dall’istituto Ipsos e pubblicato dal Corriere della Sera a firma di Nando Pagnoncelli, ha coinvolto 998 italiani.

Articoli correlati
Lanciamo la petizione contro la chiusura del mercato di Campagna Amica

Continuiamo la battaglia insieme ai ristoratori e ai cittadini di Roma per consentire agli agricoltori di riprendere serenamente al più presto la loro meritevole attività nel mercato di Campagna Amica. Sono stati organizzati presidi, blitz, tempeste di tweet e di lettere da parte dei ristoranti romani. Adesso firmiamo la petizione.