J.B. Lenoir, il bluesman amato da Wim Wenders

Il cineasta americano ha raccontato la storia di J.B. Lenoir nel film-documentario “L’anima di un uomo”. Oggi il musicista avrebbe compiuto 85 anni

Non ne ha fatto certo mistero, Wim Wenders, dell’amore che egli prova per l’arte del bluesman J.B. Lenoir: una gran parte del film-documentario L’anima di un uomo (2003) – secondo capitolo della serie The Blues prodotta da Martin Scorsese –  è infatti dedicata alla parabola artistica del musicista afro-americano.Nato il 5 marzo 1929 a Monticello, Mississippi, JB – così lo chiamavano – si trasferisce all’inizio degli anni ’40 a New Orleans, dove collabora con due musicisti blues tra i più influenti e importanti: Elmore James e Sonny Boy Williamson II.

 

Trasferitosi nel 1949 a Chicago, entra presto a far parte della scena cittadina grazie all’aiuto dell’amico musicista Big Bill Broonzy. In quel periodo, nella grande città dell’Illinois, il blues trova sempre maggiore spazio e consensi, anche grazie alla presenza massiccia della popolazione di colore: pur rispettando la struttura originaria, a Chicago assume una sua connotazione ben precisa, grazie anche alle innovazioni tecnologiche (su tutte, la chitarra elettrica). E’ qui infatti che il blues – un tempo “rurale” – diventa “urbano”.

 

In questo contesto di grande fermento, JB conosce Muddy Waters e registra, nel 1951, alcuni brani per varie etichette di Chicago, tra cui la Chees Records. Il suo più grande successo commerciale è Mamma Talk To Your Daughter (1954) mentre, negli anni ’60, le sue composizioni sono ispirate alle lotte  del movimento per i diritti civili degli afro-americani guidato da Martin Luther King. Alabama Blues ne è un esempio. J.B.Lenoir muore all’età di trentotto anni il 29 aprile 1967, a causa dei postumi di un brutto incidente stradale avvenuto tre settimane prima. Nel 2011 entra nella Blues Hall of Fame, a ulteriore dimostrazione della sua indiscutibile importanza, evidenziata anche nella affascinante pellicola di Wenders.

 

Roberto Vivaldelli

 

Articoli correlati
Le canzoni più belle dell’estate 2020 secondo LifeGate Radio

Per chi non avesse la possibilità di ascoltare LifeGate Radio in FM oppure online ecco una playlist con le canzoni che ci terranno compagnia durante questa estate. La lista sarà aggiornata periodicamente quindi provate a ripassare. La trovate anche su Spotify, sul nostro profilo LifeGate Radio.