La tecnica di Chuck Close

Una tecnica complessa, quella di Chuck Close, che dedica una cura particolare a ogni singolo punto sulla tela.

Una tecnica complessa che dedica una cura particolare a ogni
singolo punto sulla tela con un effetto finale che assomiglia in
alcuni casi al mosaico, in altri dell’immagine digitale composta da
Pixel. Sono ritratti di se stesso, di amici e colleghi artisti di
dimensioni notevoli: in più di un anno di lavoro l’opera
finale assomiglia ad una fotografia.

“Il viso di una persona – afferma Close – è la carta
stradale della della sua vita. Se l’affronta con atteggiamento
positivo le rughe sono quelle che si formano quando si sorride.
Allo stesso modo è subito palese quando invece la vita la si
passa imbronciati”.

indietro

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Cocci in mostra per gli artigiani abruzzesi

Il progetto Riciclo Arte Ricostruzione – Adotta una bottega in Abruzzo è nato quasi per caso. Un’artigiana di Cocullo (AQ), una ceramista, la mattina dopo il terremoto ha trovato garn parte delle sue opere d’arte trasformate in cocci.

Mediterranea – Tra Jazz e Futurismo

Un festival per parlare di cultura, letteratura, arte. Mediterranea, manifestazione ideata ed organizzata dall’Associazione Culturale Allegorein, è giunta ormai alla sua VI edizione.

Il tempo delle ninfee

Lo studio di Monet per le ninfee fu talmente intenso e quasi ossessivo che nel 1925, un anno prima della sua morte, l’artista scrisse “Non dormo più per colpa loro, di notte sono continuamente ossessionato da ciò che sto cercando di realizzare.

Allarmi 2008

Tre curatori, tre temi, tre percorsi. Parliamo di Allarmi 2008, mostra d’arte contemporanea alla Caserma de Cristoforis di Como dal 30 maggio al 22 giugno.

Warhol e Beuys a Milano

Due geni dell’arte contemporanea del Novecento, Warhol e Beuys, che si incontrano, questa volta a Milano. Fondazione Mazzotta, foro Buonaparte 50, Milano. Fino a fine marzo 2008.