Le Città Creative secondo l’Unesco. Le più vive per l’arte, la musica, il cinema, la cultura e il cibo

La proclamazione di Parma, da parte dell’Unesco, di Città Creativa per la Gastronomia Unesco, e di Roma come Città Creativa per il Cinema, è una notizia molto buona per la cultura, il turismo e per l’orgoglio nazionale. Ecco tutte le città Unesco.

L’Unesco ha creato una rete, Città Creative, divisa in sette aree corrispondenti ad altrettanti settori culturali: musica, letteratura, folk art, design, arti visive, gastronomia, cinema. Fregiandosi di questo titolo, le città possono così farsi vedere su un palcoscenico mondiale, condividere le proprie esperienze, sostenersi reciprocamente e puntare molto di più sul turismo di qualità, valorizzando le proprie capacità ed incrementando la presenza dei propri prodotti culturali sui mercati nazionali ed internazionali.

Le città italiane premiate sono Bologna, Fabriano, Torino e le neo-aggiunte (11 dicembre) Parma e Roma.

L’obiettivo dell’Unesco con le Città Creative

Con questo programma l’Unesco ha come obiettivo la creazione di un legame tra città in grado di sostenere e di fare della creatività culturale un elemento essenziale per il proprio sviluppo economico, offrendo agli operatori locali una piattaforma internazionale su cui convogliare l’energia creativa delle proprie città e gettando così le fondamenta per proiettare esperienze locali in un contesto globale. L’obiettivo è promuovere l’industria della cultura.

Ecco l’elenco completo delle Città Creative Unesco divise per categoria di appartenenza.

Città Creativa per la Musica

  • Bologna (Italia)
  • Siviglia (Spagna)
  • Glasgow (Scozia)
  • Gent (Belgio)
  • Bogotà (Columbia)
  • Brazzaville (R. Congo)
  • Mannheim (Germania)
  • Hanover (Germania)
  • Hamamatsu (Giappone)

Città Creativa per la Letteratura

  • Edimburgo (Scozia)
  • Melbourne (Australia)
  • Iowa City (Stati Uniti)
  • Dublino (Irlanda)
  • Reykjavik (Islanda)
  • Norwich (Regno Unito)
  • Cracovia (Polonia)
  • Prague (Repubblica Ceca)
  • Granada (Spagna)
  • Heidelberg (Germania)
  • Dunedin (Nuova Zelanda)

Città Creativa per la Folk Art

  • Aswan (Egitto)
  • Santa Fe (Stati Uniti)
  • Kanazawa (Giappone)
  • Icheon (Corea del Sud)
  • Hangzhou (Cina)
  • Fabriano (Italia)
  • Paducah (Stati Uniti)
  • Suzhou (Cina)
  • Pekalongan (Indonesia)
  • Nassau (Bahamas)
  • Jingdezhen (Cina)
  • Jacmel (Haiti)

Città Creativa per il Design

  • Berlino (Germania)
  • Buenos Aires (Argentina)
  • Montreal (Canada)
  • Nagoya (Giappone)
  • Kobe (Giappone)
  • Shenzhen (Cina)
  • Shangai (Cina)
  • Seoul (Corea del Sud)
  • Saint-Étienne (Francia)
  • Graz (Austria)
  • Pechino (Cina)
  • Dundee (Gran Bretagna)
  • Torino (Italia)
  • Curitiba (Brasile)
  • Helsinki (Finlandia)
  • Bilbao (Spagna)

Città Creativa per le Arti Visive

  • Lione (Francia)
  • Enghien-les-Bains (Francia)
  • Sapporo (Giappone)
  • York (Gran Bretagna)
  • Tel Aviv-Yafo (Israele)
  • Linz (Austria)
  • Gwangju (Corea del Sud)
  • Dakar (Senegal)

Città Creativa per la Gastronomia

  • Popayán (Colombia)
  • Chengdu (Cina)
  • Oestersund (Svezia)
  • Jeonju (Corea del Sud)
  • Zahlé (Libano)
  • Tsuruoka (Giappone)
  • Shunde (Cina)
  • Florianopolis (Brasile)
  • Parma (Italia)
  • Bergen (Norvegia)
  • Belem (Brasile)
  • Burgos (Spagna)
  • Phuket (Thailandia)

Città Creativa per il Cinema

  • Bradford (Gran Bretagna)
  • Sidney (Australia)
  • Sofia (Bulgaria)
  • Busan (Corea del Sud)
  • Galway (Irlanda)
  • Roma (Italia)

Articoli correlati
Hollywood Icons in mostra a Roma, ovvero come nasce una stella del cinema

I 161 ritratti provenienti dalla Fondazione John Kobal e inclusi nella mostra romana “Hollywood Icons” visitabile sino al 17 settembre al Palazzo delle Esposizioni, illustrano i segreti della fotografia di scena e il suo ruolo nel meccanismo mediatico di creazione dei divi hollywoodiani dagli anni Venti in poi.