Come fermare il riscaldamento globale, ne abbiamo parlato in prima serata alle Iene

Le Iene hanno chiesto aiuto a LifeGate per capire come proteggere il nostro Pianeta dai cambiamenti climatici. Nadia Toffa ha intervistato Simone Molteni, direttore scientifico.

Finalmente il tema del riscaldamento globale approda in prima serata. Le Iene mettono in guardia milioni di spettatori davanti alla televisione: l’aumento dei fenomeni meteorologici estremi è la dimostrazione che i cambiamenti climatici sono in atto e sempre più minacciosi. Nonostante il rischio che corriamo, spesso inquiniamo di più per cuocere la pasta che per produrla; per essere sostenibili bastano piccoli accorgimenti.

“Le cose da fare sono le stesse di trent’anni fa”, assicura Nadia Toffa. “La differenza è che adesso sono più urgenti che mai perché siamo davvero vicini al punto di non ritorno”. Tra le soluzioni c’è la transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili, che ognuno di noi può scegliere per la propria casa. La conduttrice ne ha discusso con Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate.

Cambiamenti climatici e riscaldamento globale: come evitare la catastrofe

Molteni alle Iene
Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate, alle Iene

Nel servizio de Le Iene andato in onda il 17 ottobre 2018, Nadia Toffa fa il punto sul rischio più grande che stiamo correndo, quello di raggiungere il punto di non ritorno nel cambiamento del clima. La ferocia di alluvioni, tempeste di sabbia, incendi e cicloni non è un caso: con l’incremento delle temperature, determinato negli ultimi 150 anni dalla rivoluzione industriale, crescono anche la frequenza e l’intensità dei fenomeni meteorologici estremi. Così aumenta il numero dei migranti climatici. Scopriamo ora gli argomenti affrontati in quest’inchiesta e nella precedente.

Come inquinare meno e vivere felici

come inquinare meno e vivere felici le iene Nadia Toffa LifeGate
Simone Molteni di LifeGate e Nadia Toffa de Le Iene © LifeGate

Come inquinare meno e vivere felici: lo rivelano Nadia Toffa e Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate, nel servizio de Le Iene dedicato alla sostenibilità e trasmesso il 18 febbraio 2018. Dall’evitare frutta fuori stagione al banale gesto di porre il coperchio sulla pentola per cuocere la pasta, scopriamo le azioni più semplici ed efficaci per tagliare le nostre emissioni quotidiane.

Cosa c’entrano i cambiamenti climatici con gli eventi estremi dell’estate 2018

estate 2018 eventi meteorologici estremi cambiamenti climatici le iene Nadia Toffa
L’estate 2018 è stata caratterizzata da temperature al di sopra della media ed eventi meteorologici estremi. Buona parte della colpa è del riscaldamento globale © Joe Raedle/Getty Images

Esiste un collegamento tra riscaldamento globale e fenomeni meteorologici estremi dell’estate 2018, dagli incendi nell’Artico alla siccità nel Regno Unito, dal tifone Mangkhut all’uragano Florence. Lo abbiamo scovato.

Artico, per la prima volta il caldo frattura l’ultima zona di ghiaccio, la più antica

artico fusione caldo le iene Nadia Toffa
La notizia della frattura della calotta più antica nel circolo polare artico è stata definita “terrificante” © Joe Raedle/Getty Images

Quest’estate, nel nord della Groenlandia, anche la calotta glaciale più spessa e più antica ha cominciato a fratturarsi. Si tratta della prima volta che ciò accade, in una zona polare che finora è sempre rimasta compatta in ogni stagione dell’anno, compresi i mesi più caldi.

12 anni per agire o il clima impazzirà

osservatorio Milano sostenibile sullo stile di vita dei cittadini LifeGate le iene Nadia Toffa Molteni
Secondo l’Ipcc ci restano 12 anni di tempo per salvare il clima © Gerald Berliner/Unsplash

Già nel 2030 la temperatura media globale potrebbe crescere di 1,5 gradi rispetto ai livelli pre-industriali. Lo rivela lo Special report 15 (Sr15) redatto dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc). “Il rapporto cela in realtà una notizia molto positiva” secondo Caterina Sarfatti, senior manager del network C40 cities. “Un mondo dove l’aumento della temperatura sia inferiore ai due gradi è ancora possibile”. Accettiamo la sfida, allora.

Articoli correlati