Los Angeles abbandona il gas naturale e sceglie le rinnovabili

La metropoli californiana diventerà a emissioni zero entro il 2045 puntando su solare, eolico ed efficienza energetica.


Los Angeles abbandona il piano di sostituzione di tre vecchie centrali a gas, situate lungo la costa, con nuove tecnologie ma sempre a gas naturale per investire sulle energie rinnovabili e avviare così il processo di transizione energetica. La notizia è stata data da Eric Garcetti, sindaco di Los Angeles.

Los Angeles accelera il processo di decarbonizzazione

Il Dipartimento per l’acqua e l’energia di Los Angeles (Ladwp), che funge da azienda municipale della città, da anni ha in programma la modernizzazione degli impianti alimentati a gas naturale di Scattergood, Haynes e Harbour, che  sono oggi fuori norma a causa della legge californiana del 2010, secondo cui le centrali elettriche non possono più usare l’acqua dell’oceano per il loro raffreddamento. Secondo i piani del Dipartimento le nuove centrali avrebbero dovuto usare l’aria come sistema di raffreddamento.

“Los Angeles, che si è già attivata per eliminare il carbone dal suo mix energetico, deve abbandonare anche il gas naturale per raggiungere il suo obiettivo di essere una città a emissioni zero entro il 2050. La crisi climatica richiede un’azione più rapida per porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili”, ha detto Eric Garcetti. Le centrali alimentate a  gas naturale saranno eliminate gradualmente entro il 2029.

Secondo i dati della California Energy Commission, il Dipartimento per l’acqua e l’energia ha acquistato nel 2017 un terzo della sua energia da impianti a gas naturale, e le tre centrali situate sulla costa costituiscono quasi il 40 per cento della produzione totale. Mentre un terzo della domanda elettrica è stata soddisfatta dalle fonti rinnovabili come il solare e l’eolico.

La California diventerà cento per cento rinnovabili entro il 2045. Foto: Ingimage
La California diventerà cento per cento rinnovabili entro il 2045. Foto: Ingimage

Los Angeles verso il 100% rinnovabile

La decisione del sindaco arriva diversi mesi dopo che i legislatori statali hanno approvato una legge che impone alla California di ottenere il cento per cento della sua elettricità da fonti rinnovabili entro il 2045, rispetto a un obiettivo precedente definito del cinquanta per cento rinnovabile entro il 2030.

Gli impianti di Scattergood, Haynes e Harbour rappresentano attualmente oltre 2 GW di capacità operativa e saranno sostituiti con  tre con impianti fotovoltaici combinati con sistemi accumulo di energia, oltre a un efficientamento energetico più generale.

I consulenti hanno stimato che il costo sella sostituzione delle tre centrali con sistemi rinnovabili e di accumulo ammonta  a circa 3,4 miliardi di dollari, circa un miliardo di dollari in più rispetto al costo stimato di 2,2 miliardi di dollari necessari per l’ammodernamento delle tre centrali con impianti a gas.

La decisione del sindaco di LA segna quindi la fine del piano da 2,2 miliari di dollari in centrali a gas a ciclo combinato e avvia il passaggio verso l’obiettivo cento per cento rinnovabile entro il 2045.

 

 

 

Articoli correlati