Matrimonio come espansione del sè

Invitare gli sposi a prendere il matrimonio come un punto di partenza per il “lancio” verso l’Assoluto è l’obiettivo dell’ultimo libro scritto da Swami Kriyananda.

Sposarsi oggi? È ancora possibile credere nel matrimonio,
quando vediamo intorno a noi un desolante panorama di unioni
infelici, relazioni
trascinate
passivamente e senza entusiasmo,
separazioni dolorose e dilagante cinismo?

In questi tempi di radicale cambiamento culturale, l’istituzione
del matrimonio, così come tante altre norme sociali, si
trova di fronte a sfide profonde. Sono necessarie nuove, profonde
comprensioni
, basate su verità universali ma
capaci al tempo stesso di adattarsi a circostanze in continua
trasformazione.

In questo scoraggiante scenario, Swami Kriyananda indica una
via: l’espansione del proprio sé attraverso il matrimonio,
fino all’amore universale. Vissuto e compreso in modo espansivo, il
matrimonio può essere un sentiero di grande appagamento e
crescita
personale
, di realizzazione del proprio potenziale
più elevato. Il matrimonio deve contribuire allo scopo
fondamentale della vita, cioè espandere i limiti della
coscienza
umana verso la consapevolezza
universale.

“Quando sarete riusciti a espandere la vostra relazione su un
livello di vero
amore
disinteressato” esorta l’autore “allora
l’affetto che provate l’uno per l’altro si
espanderà
. Perfezionando il vostro amore,
vedrete sbocciare nel vostro matrimonio una sorta di dolcezza, un
rispetto e una comunione
reciproci, che saranno per entrambi una fonte di gioia
perenne”.

E’ importante aiutare le coppie a comprendere con realismo e
positività
il vero scopo e la vera natura del matrimonio. Aiutarle a mettere a
fuoco più chiaramente quali sono le sfide che i coniugi si
trovano immancabilmente ad affrontare, al di là delle
colorazioni
romantiche
con cui ognuno di noi è cresciuto;
ad accettare e a scegliere gioiosamente queste sfide, con la
consapevolezza che il matrimonio è uno strumento ideale per
espandere la propria coscienza al di là dei limiti del
proprio piccolo ego. In poche parole, i coniugi vanno esortati a
camminare “non solo mano nella mano, ma anche con gli occhi bene
aperti”!

Kriyananda, nel suo libro Il matrimonio come espansione del
sé propone agli sposi …

Kriyananda, nel suo libro Il matrimonio come espansione del
sé propone agli sposi idee profonde e inaspettate per
cementare nell’amore la propria unione e per espandere poi questo
legame nell’amore verso tutti gli altri; per prendere il matrimonio
come un punto di partenza per il “lancio” verso l’Assoluto, verso
Dio; per portare in alto il proprio piccolo amore, cercando di
fonderlo con la Realtà più elevata, quella
universale, che con la Sua Luce riesce a comprendere tutta la
creazione.

Non offre solo una visone elevata, ma anche suggerimenti pratici
e concreti sui più svariati ambiti del matrimonio:

? L’impegno reciproco: comprendere che senza un
senso di responsabilità
ci possono essere poche unioni durature; che alla base di ogni
matrimonio dovrebbe esserci fedeltà alla verità, a
ciò che è giusto, piuttosto che ai sentimenti e alle
emozioni.

? La comprensione e la comunicazione tra i
coniugi
: imparare ad accettare e ad apprezzare le
reciproche differenze, vedendo il confronto tra le diverse nature
dell’uomo e della donna come un modo per raggiungere un più
profondo equilibrio personale; sviluppare una comunicazione
amorevole
e positiva, riscoprendo la preziosa arte
dell’ascolto e dell’intuizione.

? L’arte della “manutenzione”: imparare ad
accettare l’altro così com’è, dandogli la libertà
di crescere a modo suo e col suo ritmo; comprendere che il
compromesso è una delle prime cose da accettare nel
matrimonio; imparare come e quando dare consigli al partner;
nutrire il sottile magnetismo di coppia, etc.

? Il sesso: comprendere che finché l’unione
fisica non diventa una consumazione d’amore più che di
passione, non
è possibile accedere agli aspetti più
elevati
del matrimonio; che il vero scopo del sesso
è esprimere tenerezza; che
tutti i piaceri dei sensi sono esaltati dalla moderazione.

?
I figli
: riconoscere che l’approccio più saggio
è comprendere fin dall’inizio che ogni bambino non è
una propria creazione, ma un ospite nella propria casa: Dio, che
viene a ricordarci di Lui e del Suo amore per noi; imparare a
ispirare i propri figli, lasciando emergere la loro ricchezza
interiore.

? Il matrimonio spirituale: l’autore dedica infine
un capitolo a coloro che sono consapevolmente sul sentiero
spirituale
e desiderano mettere Dio al primo posto nel
proprio matrimonio.

Chiunque abbracci la sfida di vivere un “matrimonio espansivo”,
vedrà entrare nella propria vita personale e di coppia nuovi
colori
e si accorgerà di stringere già tra le mani il dono
più bello e più vero del matrimonio.

Sahaja
Ellero
e Valeria
Cerri

Articoli correlati
Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro

La letteratura ha un potere immenso, semplici simboli convenzionali uniti in una certa maniera come in una formula alchemica danno vita a risultati sorprendenti, capaci di generare rivoluzioni non meno potenti di quelle dettate dalla scienza.