Max Ernst, surrealista “eccentrico”

Pittore e scultore tedesco si pu

Nasce nel 1891 a Bruhl, una cittadina nei pressi di Colonia un vero
e proprio crogiuolo di tendenze fondamentali per la formazione di
Max Ernst come fondamentale risulta essere l’influenza del padre,
un singolare personaggio, docente di una scuola per sordomuti e
pittore dilettante che conduceva con sé il piccolo Max nelle
escursioni silvestri dove andava dipingendo figure immaginarie e
strani eremiti.

Nel periodo che va dal 1909 al 1918 la vita di Max Ernst è
caratterizzato dal recupero di luoghi ed eventi dell’infanzia e da
una vorace assimilazione culturale. Molteplici sono le influenze
che si riscontrano nei suoi lavori: dalle tele di Van Gogh,
Gauguin, Goya, Seurat, Matisse, Kandinskij ammirate più
volte, alla partecipazione attiva al gruppo “Giovane Renania”
chiaramente ispirato ai programmi di rinnovamento da cui muovono
gli espressionisti per approdare poi alle tecniche dadaiste. E’ la
stessa identità dell’opera quella che viene messa in dubbio
da Ernst: si diverte a caricare l’immagine di rimandi ed allusioni
che realizzano una realtà stratificata e plurima.

Max Ernst vive in prima persona il clima storico e culturale legato
alle due guerre mondiali e pur operando all’interno della tematica
surrealista del sogno, dell’inversione del senso, del recupero
ancestrale e dello stupore inconscio, si dedica al lavoro di
ricerca attraverso la tecnica: è questa che lo conduce a
invenzioni formali inedite che allargano gli orizzonti della
pittura e della scultura.

Le immagini di Ernst sono dotate di una loro struttura, vivono di
una loro capacità inventiva e fantastica le cui risultanze
sfuggono dalla portata revisionale dell’autore.

L’immagine genera il sogno: l’artista dopo aver assistito al
nascere dell’immagine “come uno spettatore” sogna e si affida ad
essa. Ecco allora che la sua arte si qualifica non come
registrazione passiva di un gesto o di un moto della psiche,
bensì come mezzo per l’approfondimento del mondo, come
strumento di ricerca e di apertura per il proseguimento
dell’esperienza storica.

Sonia
Tarantola

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Cocci in mostra per gli artigiani abruzzesi

Il progetto Riciclo Arte Ricostruzione – Adotta una bottega in Abruzzo è nato quasi per caso. Un’artigiana di Cocullo (AQ), una ceramista, la mattina dopo il terremoto ha trovato garn parte delle sue opere d’arte trasformate in cocci.

Mediterranea – Tra Jazz e Futurismo

Un festival per parlare di cultura, letteratura, arte. Mediterranea, manifestazione ideata ed organizzata dall’Associazione Culturale Allegorein, è giunta ormai alla sua VI edizione.

Il tempo delle ninfee

Lo studio di Monet per le ninfee fu talmente intenso e quasi ossessivo che nel 1925, un anno prima della sua morte, l’artista scrisse “Non dormo più per colpa loro, di notte sono continuamente ossessionato da ciò che sto cercando di realizzare.

Allarmi 2008

Tre curatori, tre temi, tre percorsi. Parliamo di Allarmi 2008, mostra d’arte contemporanea alla Caserma de Cristoforis di Como dal 30 maggio al 22 giugno.

Warhol e Beuys a Milano

Due geni dell’arte contemporanea del Novecento, Warhol e Beuys, che si incontrano, questa volta a Milano. Fondazione Mazzotta, foro Buonaparte 50, Milano. Fino a fine marzo 2008.