Messner mountain museum, 6 musei ad alta quota

Uno compare in un recente spot con Fabio Fazio, ma il Messner Mountain Museum ne comprende 6, ognuno in un luogo simbolo della montagna e della sua storia.

Questi giorni in uno spot di un noto operatore telefonico compare una location davvero suggestiva: un’architettura sulle montagne che si affaccia su una valle integrandosi con equilibrio, si tratta del Messner mountain museum. Un progetto così ambizioso e così attento alla montagna, alla sua storia e ai sui protagonisti, non poteva che essere scaturito da chi sulle alte vette ha passato la maggior parte della sua vita: Reinhold Messner.

 

Messner mountain museum: 6 musei in 6 luoghi simbolo

Il Messner mountain museum è formato da 6 musei in 6 luoghi diversi del Sud Tirolo. Visitarli tutti è possibile durante un tour che può durare qualche giorno e può essere percorso in auto, bici e in parte a piedi per i più temerari. Si parte dal MMM Firmiano, il cuore del MMM, e da qui è possibile raggiungere i due musei in val Venosta: l’ MMM Juval (Castelbello) e l’ MMM Ortles (Solda). Firmiano e Juval sono raggiungibili anche con i mezzi pubblici: dalle stazioni ferroviarie di arrivo, a fondovalle, si dipartono dei percorsi segnati per una passeggiata in mezzo al verde che porta fin sulla soglia dei rispettivi castelli.

 

Per raggiungere l’ MMM Dolomites, da Bolzano un percorso panoramico conduce attraverso le valli e i passi dolomitici fino a Cibiana di Cadore. L’ultimo tratto del percorso può essere coperto a piedi: un sentiero nel bosco porta alla cima del Monte Rite (2181 m.). I MMM situati nella parte più orientale della provincia di Bolzano si trovano entrambi in val Pusteria si tratta del MMM Ripa, che ha sede nel castello di Brunico, e del MMM Corones, a Plan de Corones.

Ognuno ha delle caratteristiche peculiari e storie diverse da raccontare ma sempre legate all’alta quota, alle vette e a chi ha vissuto questi luoghi.

 

Il MMM Corones, a Plan de Corones, setting dello spot con protagonista Fabio Fazio, è dedicato all’alpinismo e si trova ai margini del più spettacolare belvedere montano del Sudtirolo. L’architettura del museo progettata da Zaha Hadid è imperdibile già da sola. Un’opera d’arte.

 

MMM Firmiano ha sede tra le antica mura di Castel Firmiano, rese accessibili da una struttura moderna in vetro e acciaio. Il percorso espositivo si snoda tra le torri, le sale e i cortili della rocca, offrendo al visitatore una visione d’insieme dell’universo montagna.

 

MMM Dolomites sorge sul Monte Rite (2181 m), nel cuore delle Dolomiti tra Pieve di Cadore e Cortina d’Ampezzo. Allestito in un forte della Grande Guerra e dedicato all’elemento “roccia”, il museo racconta la storia dell’esplorazione e dell’alpinismo dolomitico.

 

MMM Juval è arroccato su un’altura nella splendida val Venosta ed è stato dedicato al “mito” della montagna perché per molti popoli in tutto il mondo la montagna è sacra.

 

MMM Ripa è allestito nel Castello di Brunico, sulla collina a sud del capoluogo della val Pusteria. Circondato da masi contadini, il castello ospita il museo dei popoli di montagna. Dal museo MMM Ripa (in lingua tibetana “ri” sta per montagna e “pa” per uomo) si gode una splendida vista su Plan de Corones, luogo di forte richiamo turistico, sul paesaggio rurale della valle Aurina e sulle Alpi della valle di Zillertal.

 

MMM Ortles è dedicato al tema del ghiaccio e allestito in una moderna struttura sotterranea a Solda, a 1900 metri di quota, ai piedi dalla vedretta dell’Ortles, che la famosa carta del Tirolo disegnata nel 1774 da Peter Anich indicava come la “Fine del mondo”.

 

Tutto sulla montagna

Un itinerario capace di raccontare tutto sulla montagna e di stupire grazie ai luoghi scelti con criterio e passione per ospitare i 6 musei. Visitare il Messner Mountain Museum può far capire chiaramente cosa ci sia dietro la passione per la montagna: una filosofia, un modo di vivere e un credo, quasi religioso. Ma soprattutto il rispetto per la natura, il territorio e l’ambiente.

 

Articoli correlati
Hollywood Icons in mostra a Roma, ovvero come nasce una stella del cinema

I 161 ritratti provenienti dalla Fondazione John Kobal e inclusi nella mostra romana “Hollywood Icons” visitabile sino al 17 settembre al Palazzo delle Esposizioni, illustrano i segreti della fotografia di scena e il suo ruolo nel meccanismo mediatico di creazione dei divi hollywoodiani dagli anni Venti in poi.