Michael Kors mette al bando le pellicce a partire dal 2018

Dopo Gucci, c’è una nuova entrata tra le aziende di moda che hanno abbandonato le pellicce: Michael Kors e il marchio recentemente acquistato Jimmy Choo cambiano pelle, diventando fur-free.

Il 2017 si chiude in bellezza per gli animalisti e le associazioni come Fur free alliance che lottano da sempre contro i maltrattamenti inflitti agli animali per la produzione di pellicce. A distanza di qualche mese dall’annuncio di Gucci, un altro gruppo del settore della moda ha fatto marcia indietro dichiarando che dal 2018 non utilizzerà più alcun tipo di pelliccia animale in favore di soluzioni più innovative: stiamo parlando di Michael Kors e Jimmy Choo, il marchio di calzature recentemente acquisito dal gruppo, che si aggiungono all’ormai lunga lista di case di moda che hanno intrapreso un percorso aziendale più etico.

Leggi anche: Stop alle pellicce per Gucci. La moda si muove verso un futuro sostenibile e cruelty-free

michael kors fur free retailer
La sostituzione delle pellicce nei capi a marchio Michael Kors avverrà gradualmente a partire dall’inizio del 2018 © Fur free alliance

Michael Kors abbandona la pelliccia

Dopo tanti anni di proteste anche il gruppo americano legato all’omonimo stilista Michael Kors è entrato a far parte del Fur free retailer programme, il programma che connette le aziende che non utilizzano pellicce con i consumatori in cerca di prodotti etici fornendogli tutti i nomi e le informazioni dei marchi di moda da acquistare.

Come ultimo arrivato, il gruppo ha annunciato che la sua nuova politica aziendale entrerà gradualmente in vigore a partire dall’anno prossimo quando, entro la fine del 2018, le pellicce scompariranno una volta per tutte dai prodotti a marchio Michael Kors e Jimmy Choo.

Leggi anche: Blood less fur, le pellicce ecologiche diventano sempre più trendy

michael kors passerella
Già da febbraio 2018 saliranno in passerella i primi capi realizzati con materiali innovativi che sostituiscono la pelliccia di origine animale © Dimitrios Kambouris/Getty Images

Le prime creazioni fur-free di Michael Kors

La decisione di Michael Kors è stata dettata dall’ormai crescente numero di consumatori che avendo a disposizione soluzioni alternative non vogliono più essere complici degli abusi sugli animali. Lo stesso presidente, John D. Idol, ha infatti dichiarato che “questa decisione segna un nuovo capitolo dal momento in cui la nostra azienda continua a evolvere nell’impiego di materiali innovativi”. I primi risultati della ricerca di nuove tecniche in grado di sostituire le pellicce animali verranno già mostrate durante le prossime sfilate di febbraio 2018 che, stando a quanto racconta in una nota l’omonimo designer del gruppo, saranno altresì capaci di creare un lusso estetico pari a quello reso dalle pellicce animali.

Immagine in evidenza: sfilata Micheal Kors nel 2012. Ora il marchio dice addio alle pellicce © Frazer Harrison/Getty Images
Articoli correlati