Cooperazione internazionale

Perché gli studenti di Hong Kong non vanno a lezione

Gli studenti di Hong Kong hanno deciso di non andare a lezione per una settimana, fino al primo ottobre, per chiedere elezioni libere e più democrazia.

Migliaia di studenti di Hong Kong, in Cina, hanno deciso di non andare a lezione per una settimana, a partire dal 22 settembre, per chiedere più democrazia nella ex colonia britannica tornata sotto la sovranità di Pechino dal 1997.

 

La protesta, sostenuta anche da una parte degli insegnanti e dei ricercatori, arriva dopo la decisione del governo centrale cinese di non concedere lo svolgimento di elezioni libere e democratiche nella metropoli, dopo che queste erano state promesse entro il 2017 per la scelta dello chief executive, il governatore. Questa autorità, finora imposta da Pechino, dovrebbe essere votata a partire dal 2017, ma i candidati continueranno a essere approvati da una commissione minando così la partecipazione e, quindi, la libertà.

Gli studenti che hanno aderito allo sciopero sono iscritti a più di venti tra atenei universitari e istituti superiori e da questa mattina hanno invaso le strade intorno all’Università cinese di Hong Kong con cortei e sit-in. Quasi tutti indossavano magliette bianche, sinonimo del lutto in Cina, e nastri gialli, il colore scelto dal comitato Occupy Central che si batte per la democrazia a Hong Kong.

 

Secondo quanto riportato da Al Jazeera, tra le scritte più frequenti che si possono leggere sui cartelli c’è “Il boicottaggio è necessario. Disobbedisci e afferra il tuo futuro”. L’Università cinese di Hong Kong ha realizzato un sondaggio secondo il quale un quinto degli abitanti starebbe valutando di lasciare la metropoli, preoccupati dal futuro politico.

Articoli correlati
Un terremoto nel terremoto

Emergency continua a offrire supporto psicologico e assistenza infermieristica alla popolazione del centro Italia colpita dal sisma nel 2016, dove oggi il restare a casa diventa qualcosa di estremamente complesso.