I pinguini imperatore sono più numerosi del previsto

Grazie alle immagini satellitari sono state scoperte 11 nuove colonie, Una scoperta che porta a 61 il numero di colonie presenti in Antartide.

È stata la traccia di guano lasciata sul ghiaccio a confermare che quelle osservate dai ricercatori fossero le piste battute da diverse colonie di pinguini imperatore (Aptenodytes forsteri). Le immagini satellitari scattate dai due satelliti europei Copernicus Sentinel-2 hanno permesso ai ricercatori del British antarctic survey (Bas) di affermare di aver scoperto 11 nuove colonie, tre delle quali precedentemente identificate ma mai confermate. Una scoperta che porta a 61 il numero di colonie presenti in tutto il continente.

Immagine satellitare della colonia
Immagine satellitare della colonia © contains modified Copernicus Sentinel data (2019), processed by ESA, CC BY-SA 3.0 IGO © Bas/Esa

Piguini imperatore scoperti grazie ai satelliti

Divenuti famosi nell’immaginario collettivo col documentario di Luc Jaquet (La marcia dei pinguini), i pinguini imperatore sono da sempre uno dei simboli del continente antartico. “Questa è una scoperta emozionante. Le nuove immagini satellitari della costa dell’Antartide ci hanno permesso di trovare queste nuove colonie”, ha detto in una nota il geografo del Bas Peter Fretwell e autore principale dello studio pubblicato su Remote sensing in ecology and conservation.

Certamente le immagini satellitari non permettono di vedere le colonie nel dettaglio, ma di poter invece osservare gigantesche macchie scure lasciate sul ghiaccio dai pinguini. Questo grazie all’alta risoluzione delle immagini che i Sentinel-2 offrono, ovvero 10 metri. Ed è stato proprio alle immagini satellitari che i ricercatori sono riusciti negli ultimi dieci anni a raccogliere sempre più informazioni riguardanti questa specie sentinella. Inoltre alcune colonie sono state osservate anche al largo, sul ghiaccio formatosi attorno agli iceberg. Osservazione mai avvenuta prima.

Infatti, come conferma lo stesso Fretwell, “le colonie sono piccole e quindi il numero complessivo della popolazione è aumentato del 5-10 per cento, ossia poco più di mezzo milione di pinguini o circa 265.500 – 278.500 coppie nidificanti”.

I pinguni imperatore come sentinelle del clima

Sono diversi gli studi che mostrano come, con gli scenari climatici attuali, un aumento di 2 gradi di temperatura potrebbe portare alla scomparsa di oltre il 50 per cento delle colonie. Infatti questi uccelli sono noti per essere particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici, poiché il riscaldamento delle acque oceaniche sta sciogliendo il ghiaccio marino dove vivono e si riproducono. I risultati dello studio mostrano che la maggior parte delle colonie appena scoperte si trova ai margini della gamma riproduttiva degli imperatori, luoghi che potrebbero essere persi mentre il clima continua a riscaldarsi.

Posizione delle colonie di pinguini imperatore
Posizione delle colonie di pinguini imperatore © contains modified Copernicus Sentinel data (2019), processed by ESA, CC BY-SA 3.0 IGO © Bas/Esa

“Mentre è una buona notizia che abbiamo trovato queste nuove colonie, i siti di riproduzione sono tutti in luoghi in cui le recenti proiezioni dei modelli suggeriscono che gli imperatori diminuiranno”, sottolinea Philip Trathan, a capo del dipartimento di biologia della conservazione del Bas. Gli uccelli sono così considerati come i “canarini nella miniere di carbone”, da osservare attentamente per capire come i cambiamenti climatici influenzeranno questa regione.

Articoli correlati