Profumoterapia, un intuito di naso

Possiamo curarci anche solo semplicemente con gli odori della natura senza ricorrere ai medicinali, solo affidandoci al nostro intuito nasale

La scienza dell’aromaterapia, che da migliaia di anni
contribuisce al nostro benessere, curandoci e rendendoci ancora
più desiderabili, richiede profonda conoscenza ed
esperienza.
La profumoterapia invece richiede semplicemente l’abbondonarsi al
proprio intuito…nasale.

In profumoterapia non è la sostanza aromatica che agisce ma
il suo odore, che può aiutare a guarire sia il corpo che la
mente con emozioni olfattive piacevoli.
Non a caso un tempo nei paesi arabi esisteva il medico-profumiere
che, proprio grazie agli odori riusciva ad elaborare delle
composizioni elaborate per ogni persona con essenze da lei stessa
scelta.

Come è stato dimostrato scientificamente, particolari odori
riescono a far produrre le endorfine necessarie per il nostro stato
di equilibrio fisiologico. Se gli ormoni prodotti compensano una
mancanza, ci fanno sempre avvertire una piacevole sensazione di
benessere.

Un altro modo in cui l’olfatto stimola una sensazione di piacere
è indiretto ed è legato alle memorie olfattive.
Questo perché la memoria olfattiva è primordiale e
associa ad un odore un’immagine emozionale. Quando l’odore viene
risentito dopo anni, la memoria olfattiva attiva il sistema
endocrino per riprodurre l’emozione o lo stato d’animo che
accompagnò l’odore nel passato.

Le memorie olfattive sono trasmesse insieme al patrimonio genetico
e possono essere oltre che genetiche anche culturali e
personali.

Il cibo che emana un buon odore è ritenuto buono in se e
può far venire l’acquolina in bocca, quando l’odore è
sgradevole viene rifiutato. Spesso, poi, Il linguaggio olfattivo
è più eloquente di un discorso.


Abdes Salam Attar

Articoli correlati