Più di 684 chilometri con un litro. Ecco il prototipo dai consumi record

Il prototipo Tim07 da 0,15 litri ogni 100 km ha stabilito il record mondiale alla European Shell Eco-Marathon. Premiati anche due progetti italiani.

684,7 chilometri con un solo litro di carburante. È il record mondiale nella categoria Urban Concept che è stato centrato nel corso della European Shell Eco-Marathon, andata in scena dal 25 al 28 maggio a Londra. La performance è stata realizzata da un veicolo battezzato Tim07, messo a punto da un gruppo di studenti dell’Insa (Institut national des sciences appliquées) e dall’università Paul Sabatier, entrambe di Tolosa, in Francia.

Il prototipo, con un motore da 27 cc, pesa 66 chilogrammi

Le vetture sono state testate su un circuito costituito da porzioni pianeggianti e da saliscendi che impongono ai prototipi di scalare per dieci volte un dislivello di 200 metri, con una pendenza del cinque per cento. Per riuscire a battere il record precedente (che era stato fissato a 665 chilometri con un litro), sono stati necessari parecchi anni di lavoro: gli studenti hanno cominciato a lavorare al loro prototipo nel corso del 2009. Quindi sono seguite numerose prove, ripensamenti e miglioramenti del progetto, che si sono intensificati in modo particolare negli ultimi due anni, con l’obiettivo di garantire non solo la performance ma anche l’affidabilità del veicolo.

Così, gli studenti di Tolosa si sono presentati nella capitale del Regno Unito con una vettura spinta da un motore di soli 27 centimetri cubici, alimentato a etanolo. Ciò ha consentito di limitare il peso complessivo a soli 66 chilogrammi: “Siamo estremamente contenti del risultato raggiunto dalla Tim07 – ha spiegato all’emittente radiofonica France Info Francesco Garrido-Farre, presidente dell’associazione che sostiene il progetto -. Siamo riusciti ad ottimizzare un mezzo fino a farlo consumare non più di 0,15 litri ogni 100 chilometri».

«Si tratta della giusta ricompensa – ha aggiunto – per un lavoro quotidiano, intenso, nel corso del quale abbiamo potuto applicare le conoscenze che abbiamo assorbito presso l’Insa”. L’associazione – che è nata venti anni fa, ben prima dell’inizio del lavoro sul prototipo – presenta lo stesso nome della vettura: Tim, ovvero Toulouse Ingénierie Multidisciplinaire. È aperta a tutti coloro che vogliano contribuire, con l’obiettivo di sviluppare i motori e i veicoli con le migliori performance ecologiche.

Premiate anche le squadre italiane Zero C e H2politO

L’edizione 2017 della “maratona” promossa da Shell – giunta alla 33esima edizione con 25 mila visitatori e 170 team partecipanti – ha premiato anche due squadre italiane. Si tratta del team “Zero C”, composto da 25 studenti dell’Istituto tecnico industriale Leonardo da Vinci di Carpi (in provincia di Modena), al quale è andato il primo premio nella categoria prototipi a motore elettrico: il loro mezzo è stato in grado di percorrere 753,2 chilometri. Il secondo gruppo di studenti che ha ricevuto un riconoscimento arriva dal Politecnico di Torino e si chiama team H2politO. Ha conquistato il secondo premio nella categoria “Prototipi alimentati a idrogeno”. Il loro veicolo “IDRAkronos”, in fibra di carbonio, ha percorso ben 831 chilometri.

Foto di apertura tratta dall’account Flickr della European Shell Eco-Marathon. Autore: Mark Pain/Shell
Articoli correlati
Economia circolare. Così l’auto diventa più virtuosa

Fabbriche e processi produttivi sempre più efficienti, rivestimenti ricavati dalla plastica. Persino una smart island dove l’auto elettrica è parte del sistema energetico locale. L’auto nell’economia circolare secondo Renault.