Regno Unito, nate le prime cicogne bianche da secoli

Gli uccelli sono nati nel West Sussex, sulla costa sud-orientale dell’Inghilterra, nell’ambito di un progetto di reintroduzione della specie.

Nel corso dei secoli la diversità biologica del Regno Unito è stata quasi completamente erosa dall’impatto dell’uomo, che ha abbattuto le antiche foreste e sterminato la fauna nativa, trasformando l’isola in uno sterile e monotono deserto di erica e pecore. Per cercare di rimediare agli errori passati, e rimettere in moto i meccanismi ecologici inceppati, il Regno Unito ha avviato progetti di riforestazione e di reintroduzione di specie estinte, come il castoro, che potrebbe presto essere reintrodotto in diversi bacini fluviali dell’Inghilterra.

Leggi anche: I castori riducono le inondazioni e favoriscono la biodiversità. Per questo vanno reintrodotti

In quest’ambito si inserisce il progetto White stork project, nato con l’obiettivo di reintrodurre la cicogna bianca (Ciconia ciconia) in Inghilterra, dopo centinaia di anni di assenza.

 

Il ritorno della cicogna

Un tempo, in base ai resti rinvenuti, le cicogne erano ampiamente diffuse nelle isole britanniche, a un certo punto, però, scomparvero. Si ritiene che le cause dell’estinzione locale della specie furono la perdita di habitat e la caccia.

Leggi anche: Selvaggi, la speranza del rewilding per un mondo migliore

Pochi giorni fa, a distanza di secoli, si è verificata la prima nascita in natura di cicogne bianche nel Regno Unito. Secondo quanto riferito dai responsabili del White stork project, si sono infatti schiuse le uova in uno dei tre nidi presenti nella tenuta Knepp, nel West Sussex, sulla costa sud-orientale dell’Inghilterra.

Leggi anche

Una popolazione riproduttiva

Il White stork project, grazie ad una collaborazione tra proprietari terrieri privati ​​e organizzazioni per la conservazione della natura, mira a ristabilire una popolazione riproduttiva di cicogne in Gran Bretagna. L’obiettivo è di arrivare ad almeno 50 coppie nidificanti nell’Inghilterra meridionale entro il 2030, attraverso un graduale programma di reintroduzione per i prossimi cinque anni. Nell’ambito del progetto saranno introdotte in natura almeno 250 cicogne bianche, allevate in cattività nel Cotswold wildlife park.

Cicogna bianca in ambiente rurale
Anche in Italia, a causa della persecuzione, la cicogna è mancata per secoli. È tornata a nidificare nel nostro paese negli anni Ottanta e oggi se ne contano circa trecento coppie © Ingimage

5 piccole speranze

Il nido da cui sono nati i pulli è stato eretto su una quercia e conteneva cinque uova. “Dopo aver aspettato 33 giorni per la schiusa di queste uova, è stato estremamente emozionante vedere i segni che il primo uovo si era schiuso il 6 maggio – ha affermato Lucy Groves, responsabile del progetto -. Questi sono i primi giorni per i pulcini e li seguiremo da vicino, ma abbiamo grandi speranze per loro. Questo è solo il primo passo verso l’insediamento di questa specie nel sud dell’Inghilterra”.

Una finestra su un mondo perduto

Dopo secoli di assenza, la cicogna bianca è pronta a rioccupare la sua antica nicchia ecologica, rimasta vuota per tutto questo tempo. “Quando sento quel suono sibilante, proveniente dalle cime delle nostre querce, sembra che un suono del Medioevo sia tornato in vita – ha detto Isabella Tree, proprietaria della tenuta di Knepp, dove gli uccelli hanno nidificato -. Guardiamo le cicogne camminare attraverso l’erba alta sulle loro lunghe zampe, sollevare gli insetti e catturarli abilmente con i loro lunghi becchi. Non c’è nessun altro uccello che lo fa nel Regno Unito”.

Leggi anche: Non solo estinzione, la rivoluzione della rinaturalizzazione

La cicogna è uno degli uccelli più amati, simboleggia l’amore coniugale e quello filiale e  in molti paesi europei l’arrivo di questi uccelli in primavera è considerato di buon augurio. Speriamo che i pulli nati nel West Sussex siano solo i primi di una nuova e feconda popolazione, e che il Regno Unito possa, almeno in parte, tornare all’antico selvatico splendore.

Articoli correlati