Diritti animali

A Milano i cani dei senzatetto riceveranno assistenza veterinaria gratuita

I cani dei senzatetto milanesi potranno usufruire di cure veterinarie gratuite grazie all’iniziativa di Save the dogs e Progetto Arca.

È stato avviato a Milano un progetto importantissimo per chi ama gli animali e vive con un amico a quattro zampe. Con l’iniziativa “Amici di strada, compagni di vita”, Save the dogs e Progetto Arca onlus forniranno assistenza veterinaria gratuita ai cani dei senzatetto. In che modo? Gli operatori dell’associazione animalista raccoglieranno le richieste e i bisogni degli homeless milanesi che hanno scelto la compagnia di un cane attraverso i punti mobili in cui opera il Progetto Arca, la fondazione che in 27 anni di attività nel capoluogo lombardo ha garantito pasti caldi, letti e visite mediche a 13mila bisognosi. Ai loro amici a quattro zampe verranno così offerti servizi di assistenza veterinaria, vaccinazioni ed eventuali operazioni di sterilizzazione.

Milano
L’iniziativa “Amici di strada, compagni di vita” fornirà assistenza veterinaria gratuita ai cani dei senzatetto © Save the dogs

A Milano un primo passo per iniziare

Nel capoluogo lombardo gli operatori di Save the dogs avranno il compito di monitorare i punti nevralgici della città dove è già attivo il Progetto Arca per intercettare i bisogni dei senzatetto che vivono in strada con il loro compagno a quattro zampe. L’obiettivo principale del progetto è fornire appunto assistenza veterinaria, facendosi carico delle vaccinazioni, della sterilizzazione (delle femmine) e di eventuali cure complesse nel caso di riscontro di importanti problemi di salute.

A chi ne farà richiesta verrà anche fornito uno speciale kit contenente beni di prima necessità per la gestione del cane come, per esempio, il cappottino in inverno e gli antiparassitari in estate, oltre a ciotola, guinzaglio, cibo, set di primo soccorso e tutto ciò che serve per migliorare il benessere degli animali e dei loro compagni di vita. A beneficiare dell’intervento di Save the dogs saranno i senza dimora del centro e della periferia milanese che non sfruttano i propri animali per stimolare la generosità dei passanti, ma che, per i motivi più svariati, hanno perso il lavoro e la rete delle relazioni famigliari e non possono contare su aiuti concreti e finalizzati.

cane e uomo
Molte volte i cani sono gli unici compagni devoti dei senzatetto © Pixabay

Un progetto che coinvolgerà tutta l’Italia

L’iniziativa non si limiterà a un’azione circoscritta alla città di Milano, ma intende abbracciare nel tempo tutto il territorio nazionale. “Da tempo valutavamo la possibilità di un intervento strutturato lungo le strade delle grandi città italiane sul modello dell’inglese Street vet; così, quando siamo entrati in contatto con Progetto Arca onlus, è nata subito una collaborazione nel capoluogo lombardo per creare una iniziativa che avesse come beneficiari gli animali dei senza dimora. Questi cani, a oggi, sono curati e nutriti solo grazie al buon cuore di singoli milanesi che si imbattono in queste storie difficili e se ne fanno carico con generosità e altruismo. Abbiamo già raccolto numerose testimonianze di persone con fragilità, ma tutte accomunate da un filo conduttore: l’amore incondizionato per i loro cani”, ha spiegato Sara Turetta, presidente di Save the dogs.

“I nostri operatori e volontari delle Unità mobili incontrano ogni sera a Milano molte persone senza casa che vivono in strada con i loro cani, osservando come esista un legame affettivo unico e speciale alla base della loro vita insieme, un legame che permette alla persona fragile di affrontare con più forza le situazioni di emarginazione sociale”, ha aggiunto Alberto Sinigallia, presidente della fondazione Progetto Arca.

In vista delle prossime festività natalizie, periodo difficile e di solitudine per i senzatetto e i loro cani, è possibile contribuire a questa iniziativa scegliendo il regalo solidale di Save the dogs, una speciale card digitale dal valore di 50 euro per donare un kit invernale e scaldare un cane di strada con un cappottino, cibo e le cure di cui ha bisogno.

Articoli correlati