Il risveglio dei (dieci) sensi

Il sesto senso? Superato. Il sesto senso e mezzo? Pure. Ogni neurologo sa bene che, oltre i cinque sensi classici, gli uomini e gli animali ne hanno molti di più.

Il primo a elencare i cinque sensi che tutti conosciamo – vista,
udito, gusto, olfatto, tatto – è stato Aristotele. Il quale
aveva una straordinaria capacità di classificare gli
elementi, ma anche di prendere sonore cantonate.

I giornalisti scientifici del programma QI della BBC John Lloyd e
John Mitchinson scrivono che tra gli scienziati c’è oggi
accordo su almeno altri cinque sensi fondamentali, con indicazioni
alquanto precise anche sugli organi deputati alla loro
attivazione.

Termocezione – il senso del calore (o del
freddo) – avvertito attraverso la pelle.

Senso dell’equilibrio – le cavità piene di
liquido dell’orecchio interno.

Nocicezione – la percezione del dolore –
attraverso pelle, muscoli e articolazioni. Stranamente non il
cervello. Il mal di testa non nasce nel cervello.

Propriocezione – la consapevolezza del corpo, la
conoscenza automatico-inconscia di dove sono le nostre parti del
corpo senza vederle né toccarle. Per esempio, chiudendo gli
occhi e agitando un piede, continuiamo a sapere dove si trova in
rapporto a noi.

Eros-cezione – la stima inconscia
dell’appetibilità sessuale – esistono segnali chimici che
non si “sentono” con l’olfatto bensì con un silente
riconoscimento da parte del sistema ormonale.

Si possono classificare come “sensi” anche gli stimoli della fame e
della sete, il senso della profondità (attraverso la visione
binoculare, cioè con i due occhi) e della distanza (anche
con le vertigini), la musicalità, la conoscenza simbolica e
di significato, il senso del pericolo fino al tema più
affascinante: la sinestesia, in cui s’aprono tutte le porte della
percezione e tutti i sensi collidono, combinandosi per farci vedere
la musica a colori, per farci arrivare all’orgasmo, all’estasi
intellettuale e religiosa.

Ci sono alcuni sensi che gli animali hanno e noi no. Gli squali
hanno un’acuta elettrocezione, che permette loro di percepire i
campi elettrici. Uccelli e insetti hanno un sistema di navigazione
che usa la magnetorecezione per l’orientamento. I pesci ricorrono
all’ecolocalizzazione, il cui organo sensorio è la linea
laterale, per avvertire gli spostamenti dell’acqua intorno a loro.
Gufi e cervi hanno una visione a infrarossi.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Coltivare la barba di Giove: segreti per un giardino rigoglioso

La barba di Giove, o Centranthus ruber, incanta per le sue fioriture prolungate e la resistenza alla siccità, rendendola una gemma nei giardini. Questa perenne illumina gli spazi dal tardo spring all’autunno con fiori che variano dal rosso vivace al bianco e rosa, attrattiva per farfalle e api. Non solo bella, ma anche ricca di

9 Consigli pratici per il cambio armadio in vista dell’inverno

Con l’arrivo dell’inverno, il cambio di stagione costituisce un’attività di riordino fondamentale, una tappa obbligata per dare un nuovo volto al tuo guardaroba in vista dell’arrivo di condizioni climatiche più rigide. E’ arrivato quindi il momento di preparare il guardaroba in modo strategico per affrontare le sfide climatiche e per trovarti a tuo agio nella