Omeopatia

Sindrome da cambio di stagione, l’omeopatia contro i disturbi causati dal ritorno all’ora solare

Nella notte tra il 27 e il 28 ottobre torna l’ora solare. Alcune persone possono soffrire di Sindrome da cambio di stagione con disturbi come la stanchezza e l’irritabilità. Vediamo come risolverli con l’omeopatia.

Cos’è la Sindrome da cambio di stagione

Lancette indietro nella notte tra il 27 e il 28 ottobre, torna l’ora solare. Uno spostamento che riduce le ore di luce, accorciando le giornate, e può provocare una sorta di mini jet lag. La chiamano Sindrome da cambio di stagione, o più poeticamente Winter blues, e interessa un particolare cronotipo, le cosiddette allodole, ossia coloro che si svegliano molto presto al mattino, mettendosi in moto senza alcuna fatica, e preferiscono non fare tardi la sera. Irritabilità, sbalzi di umore e difficoltà ad addormentarsi la sera o a risvegliarsi al mattino ne sono i sintomi caratteristici.

Accade perché il cambiamento dell’ora influisce sui ritmi dell’organismo alterando così il normale ciclo del sonno: questo può causare episodi di insonnia, stanchezza, suscettibilità. Se questo succede, i medicinali omeopatici possono offrire un valido aiuto.

Sindrome da cambio di stagione
Nella notte tra il 29 e il 30 ottobre torna l’ora solare

Disturbi del sonno

Per regolarizzare e migliorare la qualità del sonno, si consiglia Datif PC, due compresse da far sciogliere in bocca per tre volte al giorno. Per chi fatica ad addormentarsi a causa di pensieri continui e quando il sonno è interrotto più volte nell’arco della nottata, è indicato Coffea cruda 9 CH, cinque granuli prima di andare a letto. Si prescrive, invece, Arnica 9 CH, cinque granuli prima di andare a letto, quando l’insonnia è dovuta a stanchezza fisica.

E se a lamentare i disturbi del sonno sono i bambini, si suggerisce lo sciroppo omeopatico Quietalia, un misurino al mattino e uno alla sera, per aiutare i bambini a uscire da questa fase transitoria di agitazione. Sempre per favorire il riposo dei bambini, può essere utile Cypripedium 9 CH, cinque granuli alla sera, fino al graduale recupero dei giusti ritmi di sonno-veglia. Se poi i bambini, a causa del sonno agitato, sono svegliati dagli incubi, è adatto Stramonium 9 CH, cinque granuli prima di dormire.

Stanchezza e irritabilità

La mancanza di un corretto ciclo di sonno ha degli effetti secondari sul nostro organismo, anche durante il giorno, primi tra tutti irritabilità e difficoltà a concentrarsi. Questo senso di spossatezza rischia di rallentare le nostre capacità sul lavoro, o causare difficoltà nello studio per i più giovani. In caso di sovraffaticamento mentale, e scarsa concentrazione durante il giorno sono indicati Kalium phosphoricum 15 CH e China rubra 15 CH, cinque granuli di ognuno mattino e sera. Il primo aiuta a risolvere sonnolenza diurna e anche le difficoltà a riposare bene la notte, il secondo serve a combattere la “voglia di far niente” e ad aumentare la vitalità.

A cura del dottor Maurizio Calzavara Pinton, medico di famiglia di Brescia, esperto in omeopatia

Articoli correlati
Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.