Quali sono i siti italiani candidati a diventare patrimonio dell’umanità dell’Unesco

Dal 28 giugno all’8 luglio a Bonn si decideranno i nuovi siti patrimonio dell’umanità. L’Italia concorre con la “Palermo arabo normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale”.

Sono aperti i lavori della 39esima commissione Unesco che sceglierà i nuovi siti patrimonio dell’umanità e che si terrà dal 28 giugno all’8 luglio 2015 a Bonn, in Germania. 37 i candidati in totale, tra cui 31 naturali, 5 culturali e 1 misto.

 

site_1487_0001

 

 

L’Italia parteciperà con un sito culturale, ovvero con il complesso “Palermo arabo normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale”. Si tratta della 51esima candidatura, che potrebbe alzare l’asticella del già elevato record italiano. Il nostro paese, con 50 siti, è quello con il numero maggiore di patrimoni riconosciuti.

 

site_1487_0007

 

 

Il sito candidato comprende 7 complessi monumentali palermitani e 2 complessi delle Cattedrali di Cefalù e Monreale, a testimonianza de “l’altissimo valore del sincretismo culturale arabo-normanno che generò uno stile architettonico ed artistico eccezionale in grado di rappresentare, ancora oggi, l’esempio tangibile di convivenza, interazione e interscambio tra culture eterogenee”, si legge da una nota rilasciata dal ministero per i Beni culturali.

 

site_1487_0017

 

 

Ad oggi sono 41 i siti che rientrano nella “tentative list”, ovvero la lista che ogni Paese stila e candida a diventare patrimonio. L’ultima in ordine cronologico è la candidatura di una area di foreste che vanno dall’Emilia alla Puglia come parte delle “Foreste vergini di faggio dei Carpazi (Slovacchia e Ucraina) e foreste di faggio antico della Germania”.

 

Ecco la lista completa:

 

  • Espace transfrontalier Marittime-Mercantour (Les Alpes de la Mer) (15/04/2013)
  • Massif du Mont-Blanc (iscrizione comme patrimoine naturel transfrontalier, avec France et Suisse) (30/01/2008)
  • Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalu ‘e Monreale (18/10/2010)
  • Arcipelago di La Maddalena e le Isole di Bocche di Bonifacio (01/06/2006)
  • Bradisismo nell’Area Flegrea (01/06/2006)
  • Cascata delle Marmore e la Valnerina: siti monastici e le antiche opere di bonifica idrogeologica (01/06/2006)
  • Monastero Cattolica di Stilo e complessi basiliani-bizantino (01/06/2006)
  • Cittadella di Alessandria (01/06/2006)
  • Estensione alle “foreste vergini di faggio dei Carpazi (Repubblica Slovacca e Ucraina) e le foreste di faggio antico della Germania (Germania)” comune patrimonio mondiale della proprietà (2015/02/02)
  • Città Fortezza di Palmanova (01/06/2006)
  • Grandi Terme di Europa (2014/01/07)
  • Giardini Botanici Hanbury (01/06/2006)
  • Centro storico di Lucca (01/06/2006)
  • Centro storico di Parma (01/06/2006)
  • Centro storico di Pavia e Certosa (01/06/2006)
  • Isola dell’Asinara (01/06/2006)
  • Ivrea, città industriale del 20 ° secolo (03/05/2012)
  • Grotte carsiche in preistorico Puglia (01/06/2006)
  • Lago Maggiore e il Lago d’Orta lakelands (01/06/2006)
  • Isola di Mothia e Lilibeo: Il fenicio-punica civiltà in Italia (01/06/2006)
  • Orvieto (01/06/2006)
  • Parco Nazionale della Sila – Sila, Gran Bosco d’Italia (31/01/2012)
  • Pelagos: il Santuario dei Cetacei (01/06/2006)
  • Stagni nella baia di Oristano e l’isola Penisola del Sinis di Mal di Ventre (01/06/2006)
  • Cattedrali romaniche di Puglia (01/06/2006)
  • Salento e il “Barocco Leccese” (01/06/2006)
  • Cappella degli Scrovegni (01/06/2006)
  • Sulcis Iglesiente (01/06/2006)
  • Taormina e Isola Bella (01/06/2006)
  • La valle dell’Aniene e Villa Gregoriana a Tivoli (01/06/2006)
  • La città di Bergamo (01/06/2006)
  • I paleosuperfici Paleolitico Inferiore a Isernia-La Pineta e Notarchirico (01/06/2006)
  • The Marble Bacino di Carrara (01/06/2006)
  • Le Murge di Altamura (01/06/2006)
  • I portici di Bologna (01/06/2006)
  • Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. (Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene (05/10/2010)
  • La transumanza: Traccia del Royal Shepherd (01/06/2006)
  • Le opere veneziane di difesa tra il 15 e 17 ° secolo (2013/09/10)
  • Via Appia “Regina Viarum” (01/06/2006)
  • Ville nobiliari papale (01/06/2006)
  • Volterra: Storico e paesaggio culturale (01/06/2006)
Immagine di copertina © CRICD

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,