SmartGround, il pomodoro è tecnosostenibile

La start up ha creato una piattaforma digitale di supporto all’agricoltore. Che grazie alle informazione da remoto potrà ottimizzare l’uso dell’acqua.

Si chiama SmartGround ed è una start up selezionata da ChangeMakers4Expo che promette di cambiare tecnologicamente in meglio il modo di fare agricoltura. Si tratta di una piattaforma digitale di servizi e applicazioni volte a semplificare le attività in agricoltura e ridurre lo spreco di risorse primarie. Il progetto ha come obiettivo principale quello di favorire un uso sostenibile della risorsa idrica, sempre più limitata e soggetta a sprechi, monitorandone la quantità nel terreno e permettendone l’irrigazione solo dove e quando ve né un effettivo bisogno, secondo le diverse colture.

 

[vimeo url=”http://vimeo.com/66317503″]

 

Da una parte c’è l’utente, che tramite un dispositivo interagisce con il sistema. Dall’altra c’è un insieme di sensori che vanno a captare le informazioni e le trasmettono. In mezzo c’è tutto il sistema tecnologico, con i dati che vengono inseriti in un sistema cloud online.

 

La piattaforma di supporto gestionale  permette di monitorare da remoto le condizioni in cui avviene la crescita delle colture, di avere a disposizione una quantità di dati da analizzare e, quindi, di prendere le decisioni migliori, per esempio riguardo all’impiego di risorse primarie, come l’acqua, o di prodotti fitosanitari.

Articoli correlati
Tutta la bellezza del cotone bio

Secondo il rapporto Well dressed dell’Institute for manifacturing di Cambridge, il cotone da agricoltura biologica riduce l’uso di pesticidi, concimi sintetici e tinture artificiali del 92 per cento.