Sri Sri Ravi Shankar e l’arte di vivere

Sri Sri Ravi Shankar è uno dei maestri più famosi al mondo di Sudarshan Kriya, una tecnica di respirazione attraverso la quale è possibile aprirsi all’intelligenza spirituale.

Prestare attenzione al proprio respiro e coltivare sistematicamente
la fiducia in sé e nel prossimo, praticare la compassione e
la cooperazione, riuscire a mettere in atto quella che le grandi
tradizioni spirituali orientali chiamano la pratica della
gentilezza amorevole è, secondo Sri Sri Ravi Shankar,
maestro spirituale e leader umanitario, l’obiettivo che ogni essere
umano dovrebbe perseguire al fine di raggiungere una più
alta qualità della coscienza. Il potenziale è dentro
di noi e ci chiede soltanto di essere sviluppato.

Nessuna parentela con l’omonimo musicista indiano che ha ispirato i
Beatles, Sri Sri Ravi Shankar è uno tra i maestri più
seguiti in India e famoso in tutto il mondo. Fin da bambino ha
sperimentato stati di profonda meditazione e manifestato una
particolare predisposizione alla spiritualità. Ha ricevuto
gli insegnamenti di vari maestri ed egli stesso è diventato
uno studioso di letteratura vedica.

Nel 1982 ha cominciato ad insegnare il Sudarshan Kriya, una tecnica
di respirazione estremamente efficace e versatile attraverso la
quale è possibile aprirsi all’intelligenza spirituale e
sperimentare benessere fisico e mentale, ritrovando al tempo stesso
un profondo senso di appartenenza. Oggi, il Sudarshan Kriva viene
praticato in oltre 140 paesi.

Fondatore dell’Associazione Internazionale per i Valori Umani e
della Fondazione Internazionale Arte di Vivere, Sri Sri Ravi
Shankar viaggia ovunque nel mondo per insegnare “l’arte di vivere”
e impegnandosi concretamente con progetti e iniziative umanitarie.
Un lavoro, il suo, che ha prodotto risultati sorprendenti.

Nel febbraio del 2006 ha riunito a Bangalore i leader delle
più importanti religioni del mondo e uomini politici di ogni
parte della Terra per discutere di non-violenza, valori umani e
fratellanza. L’intento è stato quello di richiamare tutti
all’antico ideale indiano del Vasudhaiva Kutumbakam: One World
Family. Un miracoloso passo,di questi tempi, verso la pace.

Maurizio Torretti

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,