Come risparmiare sulla luce: 5 modi efficaci per pagare meno sulla bolletta

Gli stand by sono sempre più energivori. Ecco qualche consiglio per risparmiare sulla bolletta della luce e ridurre i consumi. Trucchi e dispositivi.

Lo spunto è l’ennesimo studio sugli stand-by: una ricerca del Natural Resources Defence Council (Nrdc) americano afferma che, negli Stati Uniti, ogni anno vanno in fumo 19 miliardi di dollari in consumi elettrici a causa delle spie sempre accese di elettrodomestici più o meno intelligenti. Il che va ad influire sulla bolletta della luce e sulle tasche di tutti i consumatori. Il consiglio, già sentito migliaia di volte e ormai banalizzato, di “spegnere il puntino rosso della tivù per risparmiare in bolletta della luce”, appare più che mai utile e attuale in un mondo che deve ridurre e risparmiare in bolletta, tagliando consumi e le proprie emissioni di CO2.

bolletta
Modem, carica batterie, Tv. Tutti dispostitivi che contribuiscono a consumare energia e aumentare i costi delle nostre bollette della luce.

Qualunque dispositivo o gadget che per funzionare sia costretto a tenere sempre acceso il proprio display, ha un consumo nascosto che, almeno negli Stati Uniti, vale dai 165 ai 440 dollari (cioè tra i 150 e i 400 euro). Lo studio è stato condotto in California da Pierre Delforge, direttore del settore “Efficienza energetica” per Nrdc: secondo la sua ricerca, in tutti gli Stai Uniti il consumo degli stand-by è pari a quello degli interi stati di Alabama e Arizona, o all’elettricità generata da 50 grandi impianti.

bolletta
Per ridurre la bolletta della luce, indispensabile spegnere gli stand-by.

Se tutte le case statunitensi, afferma il ricercatore, arrivassero a livelli di consumo di un quarto delle abitazioni più efficienti prese in esame, si risparmierebbero 8 miliardi di dollari annui e si eviterebbe di immettere in atmosfera 44 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

Quali sono gli elettrodomestici più energivori

Decoder, router, consolle per videogiochi, stampanti, ma anche, per esempio, le macchinette per il caffé, il forno a microonde sempre in stand-by. Forse, per quanto banali, serve ricordare quali siano le buone pratiche che ci permettono di risparmiare sulla bolletta della luce.

bolletta
Risparmiare sulla bolletta della luce? Togliamo la spina agli oggetti non in uso.

Spegni lo stand by

Il consiglio più banale di tutti è anche quello che nessuno mette in pratica, prevalentemente per pigrizia. Se invece è la memoria che scarseggia, posiamo sempre attaccare un post-it al televisore che funga da promemoria per risparmiare sulla bolletta della luce.

Se non puoi usa la ciabatta

A volte non è proprio materialmente possibile spegnere gli stand by. Si può ovviare a questa mancanza staccando la spina dell’elettrodomestico in questione oppure collegandolo a una ciabatta esterna che può essere spenta semplicemente premendo un tasto.

Usa elettrodomestici risparmiosi

Fare attenzione alla classe non è più un optional, se si vuole risparmiare sulla bolletta della luce. E’ superfluo ricordarlo? Forse, ma per risparmiare sulla bolletta o qualche euro sull’elettrodomestico una volta dell’acquisto, molt e persone ne scelgono uno di classe più bassa (che oggi vuol dire A+ invece di A+++) senza pensare ai consumi dello stesso.

Calcola quanto consumi

Si può verificare il consumo dei propri dispositivi grazie ad appositi apparecchi, i misuratori di potenza elettrica, che sono di facile installazione e costano (online) meno di 20 euro.

Dai retta al telefono

Smartphone e tablet sono ormai onnipresenti nelle nostre vite, sempre accesi e connessi. E con batterie che si scaricano sempre più frequentemente. Quando li carichiamo, visto che i dispositivi di ultima generazione sono più veloci, facciamo attenzione al messaggio sul display “È possibile scollegare il caricabatterie”: l’elettricità utilizzata “in più” è solo un consumo inutile. Un semplice gesto per risparmiare sulla bolletta della luce.

 

 

Articoli correlati
Bollette: in Italia più care

Il dossier “I costi dell’energia in Italia” evidenzia come la bolletta energetica italiana sia stata più cara del 18% rispetto alla media degli altri Paesi dell’Unione europea.