Stati Uniti, oltre 600 scrittori si schierano contro Donald Trump

Da Stephen King a Dave Eggers, oltre 600 scrittori statunitensi hanno firmato una “lettera aperta al popolo americano” spiegando la loro opposizione alla candidatura di Trump.

Un tempo gli scrittori ricoprivano un ruolo di spicco nella società, contribuendo attivamente allo sviluppo di una coscienza democratica, basti pensare a giganti della letteratura dall’indubbio impegno sociale come Dostoevskij e Gramsci. Questa influenza è sembrata gradualmente spegnersi negli ultimi decenni e i media hanno imposto compromessi agli intellettuali. Dagli Stati Uniti arriva però una notizia che ci ricorda che gli scrittori possono ancora contribuire a costruire un mondo migliore con la forza delle loro idee e delle loro parole scritte.

 

Lo scrittore Stephen KIng
Molti dei firmatari della lettera sono aperti sostenitori del Partito democratico, come Stephen King, che in passato ha appoggiato pubblicamente le candidature dei democratici Paul LePage, Rick Scott e Chris Christie © Kenzo Tribouillard/AFP/Getty Images

 

Oltre 600 scrittori contro la candidatura presidenziale di Donald Trump

Un crescente numero di scrittori, oltre seicento al momento, ha sottoscritto una “lettera aperta al popolo americano” spiegando i motivi della loro opposizione alla candidatura come presidente del repubblicano Donald Trump. Tra gli autori ci sono nomi di spicco della narrativa a stelle e strisce, come il re del brivido Stephen King, il premio Pulitzer Junot Díaz, Cheryl Strayed e Dave Eggers.

 

Il repubblicano Donald Trump
Donald Trump, ricco uomo d’affari, nega i cambiamenti climatici ed è contrario ai matrimoni gay

 

La lettera

La lettera, pubblicata sul sito letterario Hub, cita un lungo elenco di motivi per cui gli autori hanno deciso di schierarsi contro Trump, il quale “si rivolge deliberatamente agli elementi più vili e violenti della società, incoraggia l’aggressività tra i suoi seguaci e denigra le donne e le minoranze”. King e colleghi hanno deciso di scrivere la lettera perché ritengono che “ogni democrazia degna di questo nome si basi sul pluralismo, accetti il disaccordo e raggiunga il consenso attraverso il dibattito ragionato”.

 

Donald Trump contro Hillary Clinton
Statuine che raffigurano il candidato repubblicano Donald Trump e il candidato democratico Hillary Clinton © Kay Nietfeld/picture-alliance/dpa/AP Images

 

La petizione

È possibile sottoscrivere la lettera sul sito ipetitions.com, attualmente, dal momento della sua pubblicazione lo scorso 24 maggio, sono state raccolte oltre 20mila firme.

Articoli correlati
Nell’Iran di Raisi i giovani sono più esclusi che mai

Mentre la vittoria di un presidente conservatore in Iran era prevista, la società non crede più che il proprio voto possa fare la differenza. Ne abbiamo parlato con la giornalista Cecilia Sala e alcuni studenti iraniani.