Abbiamo finalmente scoperto come bevono i koala

Non come si riteneva fino ad oggi, bensì leccando l’acqua che scorre sui tronchi degli alberi durante la pioggia.

Il koala (Phascolarctos cinereus) è una delle specie più conosciute e amate dell’Australia, eppure molti aspetti della biologia di questi marsupiali arrampicatori, ultimi rappresentanti viventi del genere Phascolarctos, ci sono ancora ignoti o poco chiari. Credevamo, ad esempio, di sapere come bevessero i koala, o meglio come non bevessero.

Leggi anche: I koala sono le vittime principali degli incendi devastanti in Australia

Si riteneva infatti che non avessero quasi bisogno di bere (tanto che in una delle lingue aborigene koala significherebbe “senza acqua”) e che ricavassero la maggior parte dell’acqua di cui necessitano dalle foglie di eucalipto di cui si nutrono, e che il loro stile di vita sedentario gli consentisse di non disperderla. A quanto pare, però, scienziati e aborigeni si erano sbagliati: i koala bevono.

Koala nel loro habitat attaccati ad alberi di eucalipto
I koala sono classificati come specie vulnerabile nella Lista rossa della Iucn, negli ultimi venti anni la popolazione di questi marsupiali si è ridotta notevolmente, calando in alcune aree del 40 per cento © Ingimage

I koala leccano l’acqua dagli alberi

È quanto sostiene lo studio An insight into natural koala drinking behaviour, pubblicato sulla rivista Ethology. I ricercatori, basandosi sulle osservazioni raccolte da scienziati, ecologi e cittadini che, tra il 2006 e il 2019, hanno osservato il comportamento dei koala in natura, hanno infatti scoperto che questi animali soddisfano il loro fabbisogno idrico leccando l’acqua che scorre sulla superficie degli alberi durante le precipitazioni.

Leggi anche: I cambiamenti climatici costringono i koala a bere

Lo stress termico non c’entra

In base ai dati, raccolti in diverse aree dell’Australia e con differenti condizioni meteorologiche, sono stati osservati koala leccare le superfici bagnate di rami e tronchi d’albero durante o immediatamente dopo la pioggia anche quando avrebbero potuto bere dalle pozze.

Leggi anche: Australia, dopo i devastanti incendi la natura mostra segni di ripresa

“Ciò suggerisce che i koala non stessero bevendo a causa dello stress da calore e che questo comportamento, probabilmente, rappresenta il modo in cui i koala accedono naturalmente all’acqua”, ha spiegato Valentina Mella, ricercatrice della School of life and environmental sciences dell’università di Sydney e autrice principale dello studio.

Femmina di koala con il suo cucciolo attaccati ad un albero
Le osservazioni su cui è stato basato lo studio sono state condotte principalmente nel parco regionale You Yangs, nello stato di Victoria © Ingimage

L’importanza dell’osservazione

Lo studio ci ha ricordato, ancora una volta, la lacunosità delle nostre conoscenze sulle altre specie con cui condividiamo il pianeta, soprattutto per quanto riguarda i loro comportamenti in natura. Queste informazioni, oltre ad ampliare la nostra conoscenza, potrebbero rivelarsi fondamentali per la conservazione delle specie minacciate. “Penso che il messaggio principale sia che le osservazioni comportamentali in natura siano molto importanti per stabilire ciò che è normale e ciò che è insolito e per capire veramente di cosa hanno bisogno gli animali”, ha affermato Mella.

Leggi anche: Ecco perché i koala abbracciano gli alberi

Una vita sugli alberi

Eravamo perfettamente a conoscenza dell’amore dei koala per gli alberi: vi trascorrono sopra circa il 98 per cento della loro esistenza (scendono a terra solo per cercare un albero migliore o un partner) e dipendono da essi per il sostentamento e per proteggersi dai predatori. Ora sappiamo che gli alberi forniscono a questi marsupiali anche acqua potabile.

Koala che si sposta su un ramo
I koala dormono circa 20 ore al giorno per risparmiare energia, dato che la loro dieta a base di foglie di eucalipto richiede molta energia per la digestione © Ingimage

Il futuro dei koala in un’Australia sempre più arida

L’Australia, a causa dei cambiamenti climatici, deve far fronte ad un clima sempre più caldo e ad una crescente siccità, come testimoniato dalla recente stagione di incendi da record, che ha devastato enormi aree del Paese. Tra le vittime degli incendi figurano migliaia di koala, le cui popolazioni hanno subito un allarmante declino. Circa la metà della popolazione di koala dell’Isola dei canguri, l’unica nota non affetta dalla clamidia (Chlamydophila pecorum), infezione batterica simile all’hiv, è morta tra le fiamme.

Leggi anche: Australia, come i cani da ricerca stanno salvando la vita ai koala feriti negli incendi

L’assenza di precipitazioni e le estreme ondate di calore rischiano dunque di compromettere ulteriormente il futuro dei koala, già minacciati dalla deforestazione e dalle malattie.

Articoli correlati