Cosa sappiamo dell’ennesimo sversamento di petrolio nel golfo del Messico

A partire da giovedì 16 novembre c’è stata una fuoriuscita di petrolio nei pressi di un sistema di oleodotti in Louisiana, nel golfo del Messico.

  • C’è stata una fuoriuscita di petrolio nei pressi di un sistema di oleodotti in Louisiana, nel golfo del Messico.
  • Le prime stime parlano di oltre 4 milioni di litri di petrolio finiti in mare, ma sono da confermare.
  • Non è ancora stata identificata la causa dell’incidente. Non si segnalano feriti né danni sulla costa.

Per quanto le informazioni siano ancora lacunose, iniziano ad arrivare le prime conferme ufficiali. A partire da giovedì 16 novembre c’è stata una fuoriuscita di petrolio nei pressi di un sistema di oleodotti in Louisiana, di proprietà della compagnia Main pass oil gathering (Mpog). Tutto questo nel golfo del Messico, teatro del più grave disastro ambientale della storia americana, cioè il gigantesco sversamento di petrolio dalla piattaforma Deepwater Horizon nel 2010.

deepwater horizon petrolio
La catastrofe della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, nel golfo del Messico © Scott Lloyd/U.S. Coast Guard via Getty Images

Quanto petrolio è finito in mare nel golfo del Messico

Di questo incidente si sa ancora pochissimo. Quello che sappiamo, perché è la guardia costiera statunitense a dirlo, è che l’oleodotto è lungo più di cento chilometri e la società petrolifera Mpog l’ha chiuso alle 6:30 del mattino di giovedì 16 novembre, dopo l’avvistamento di una chiazza di petrolio a una trentina di chilometri di distanza dal delta del fiume Mississippi, nei pressi della parrocchia di Plaquemines, a sudest di New Orleans.

Le stime iniziali parlavano di uno sversamento di 26.190 barili, cioè oltre 4 milioni di litri. Ma le autorità chiariscono che sarà impossibile fare un conteggio attendibile fino a quando non avranno identificato con certezza la fonte. Se questi numeri fossero confermati, l’incidente sarebbe ben più grave del consueto. Negli ultimi cinquant’anni, stando alla National oceanic and atmospheric administration (Noaa), nelle acque statunitensi ci sono stati almeno 44 sversamenti di petrolio da più di 1,5 milioni di litri ciascuno. Migliaia quelli più piccoli, in cui è finito in mare meno di un barile; ma è anche vero che bastano poche gocce di idrocarburi per danneggiare gli ecosistemi e gli animali che li abitano.

In corso le operazioni di monitoraggio e pulizia

Sono sette le società del settore dell’energia che sono state coinvolte a vario titolo nello sversamento, hanno fatto sapere le autorità statunitensi. Venerdì 17 il comando unificato della guardia costiera ha sorvolato la zona, osservando la chiazza muoversi verso sudovest, allontanandosi dalla costa della Louisiana. Tre navi sono all’opera per ripulire il greggio in superficie. Sabato e domenica, dall’alto è stato possibile vedere i riflessi intermittenti.

La guardia costiera fa sapere che sono in corso altre perlustrazioni, attraverso motovedette, sorvoli e veicoli operati da remoto. Il comunicato, che porta la data del 20 novembre, fa sapere che non si segnalano feriti né impatti sulla costa.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati