Avvistata una fuoriuscita di petrolio nel golfo del Messico. Si indaga sulla causa

Dopo il passaggio dell’uragano Ida è apparsa una chiazza nera nelle acque del golfo del Messico. Ancora da chiarire la causa della fuoriuscita di petrolio.

Non c’è pace nel golfo del Messico. Dopo il passaggio dell’uragano Ida, nel weekend è stata avvistata una “considerevole” fuoriuscita di petrolio in mare. La guardia costiera statunitense fa sapere che le squadre di intervento sono già al lavoro per ripulirla.

Cosa sappiamo della fuoriuscita di petrolio nel golfo del Messico

Lo sversamento – riporta l’agenzia Associated press – sembra essersi originato sott’acqua, in corrispondenza di un’area data in concessione per le trivellazioni petrolifere offshore, circa tre chilometri a sud di Port Fourchon, in Louisiana. Nelle prime foto aeree si distingue chiaramente una chiazza nera lunga e stretta che, finora, sembra non aver raggiunto le coste della Louisiana.

Gli operatori specializzati hanno già posizionato un braccio di contenimento e hanno iniziato a ripulire l’acqua, riuscendo finora a rimuovere circa 160 litri di petrolio. Non è ancora possibile stimare la quantità di greggio finita in mare.

Petrolio
Sversamento di petrolio della Deepwater Horizon. Photo by Benjamin Lowy/Edit by Getty Images

Prosegue la conta dei danni dell’uragano Ida

Alcune ipotesi sostengono che la fonte sia un oleodotto sottomarino di proprietà di Talos Energy; la compagnia di Houston sta finanziando gli interventi per la pulizia dell’area, ma si ritiene estranea all’accaduto e sta collaborando con le autorità per risalire con esattezza alla fonte del danno. La dinamica dell’incidente è tutt’altro che chiara: quel che è certo è che è avvenuto dopo il passaggio dell’uragano Ida, abbattutosi proprio sul polo petrolifero di Port Fourchon nella giornata di domenica. Domenica 5 settembre sono state superate le cinquanta vittime accertate, la maggior parte delle quali nella città di New York, rimasta completamente paralizzata dalle piogge torrenziali.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati