La Svezia distribuisce ai cittadini un libretto su come prepararsi alla guerra

Il governo della Svezia ha inviato un manuale di 20 pagine alla popolazione. Obiettivo: essere preparati in caso di guerra. Non veniva pubblicato dal 1987.

“Cittadini della Svezia, ecco cosa fare in caso di guerra”. Da lunedì 28 maggio, a tutti gli abitanti della nazione scandinava è stato distribuito un libretto di venti pagine. Obiettivo: preparare la popolazione all’eventualità di gravi crisi legate ad attentati, cyberattacchi e – soprattutto – conflitti armati all’interno dell’Europa.

Il libretto non veniva pubblicato in Svezia da più di trent’anni

Il manuale, pubblicato in tredici lingue, non veniva più pubblicato dal lontano 1987: per trent’anni, si era ritenuto sufficientemente remoto il rischio di una guerra. “Benché la nostra nazione sia più al sicuro di altri paesi, non possiamo escludere che la nostra indipendenza e la nostra sicurezza possano essere minacciate”, ha spiegato Dan Eliasson, responsabile dell’Agenzia svedese per la Sicurezza civile.

svezia guerra
Stefan Lofven, primo ministro della Svezia. Il suo paese ha deciso di inviare alla popolazione un libretto per “essere preparati in caso di guerra” © Andrew Harrer-Pool/Getty Images

Nel libretto viene illustrato alla popolazione lo scenario al quale si andrebbe incontro in caso di conflitto: l’erogazione dell’energia elettrica e dell’acqua corrente sarebbero sospese, così come il riscaldamento; le reti telefoniche e l’accesso ad internet potrebbero non funzionare; i trasporti e i servizi bancari potrebbero risultare inaccessibili. Il cibo, inoltre, scarseggerà.

“La preparazione della popolazione è un elemento dissuasivo per il nemico”

Ciò nonostante, ai cittadini svedesi vengono forniti consigli utili per resistere una settimana senza alcun aiuto esterno. Vengono indicati inoltre i rifugi anti-aerei più vicini, con l’indicazione di una mappa nazionale pubblicata su internet. E viene spiegato – anche attraverso alcuni video pubblicati sui social network – come preparare un kit di sopravvivenza o costruire una capanna nel proprio salotto per difendersi dal freddo. Secondo il deputato Björn von Sydow, “se il nemico saprà che la popolazione è preparata a resistere e non rimarrà paralizzata in caso di offensiva armata, ciò rappresenterà un elemento dissuasivo”.

svezia guerra
Il manuale punta anche a fornire consigli alla popolazione in caso di attentati, come quello del 2017 a Stoccolma © Michael Campanella/Getty Images

Il cambio di rotta dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia

Che la Svezia intenda prepararsi al peggio, d’altra parte, era stato chiaro fin dal 2015. All’epoca, a pochi mesi di distanza dall’annessione della Crimea da parte della Russia, fu rilanciato il concetto di “difesa totale” del territorio, dottrina che era stata abbandonata dai tempi della guerra fredda. Inoltre, a dicembre, il Parlamento aveva pubblicato un Libro bianco nel quale si sottolineava il crescente rischio di conflitti armati (e si suggeriva di investire centinaia di milioni di euro per modernizzare la difesa militare e civile).

Ciò nonostante, fortunatamente minacce immediate non esistono. Proprio per questo, la Svezia ha messo a disposizione un numero verde che risponde in nove lingue, al fine di evitare casi di panico e di “fake news”. Perché il miglior modo di difendersi dalla guerra resta preservare, sostenere e celebrare la pace.

Articoli correlati

Da giorni le fiamme stanno divorando le sequoie della California. Il 9 settembre un fulmine ha colpito uno degli alberi del Sequoia national park, un Da giorni le fiamme stanno divorando le sequoie della California. In due settimane di incendio sono già andati in fumo oltre 100 chilometri quadrati di foresta.