Investimenti sostenibili

Trump non è bastato a fermare la finanza responsabile, anzi

Con l’elezione di Donald Trump, si temeva che rallentasse l’impegno per la sostenibilità. In realtà è successo esattamente il contrario.

Si poteva pensare che l’elezione come presidente degli Stati Uniti di Donald Trump fosse un duro colpo per la finanza responsabile. La sua marcia indietro su una serie di questioni che vanno dalla transizione energetica al rispetto dell’Accordo di Parigi, passando per le armi, sembrano avere poco a che fare con una finanza che rispetta (e promuove) le istanze ambientali, sociali e di buon governo. In realtà, con uno scatto d’orgoglio, la sostenibilità va avanti e macina cifre sempre più importanti anche sui mercati finanziari.

L’avanzata dell’impact investing 

“Ho decisamente assistito a un aumento del ritmo dell’impact investing”, dichiara a ThinkAdvisor Jennifer Kenning, a capo della società di consulenza specializzata Align Impact. Vale a dire di tutti quegli investimenti che si propongono di generare sia un ritorno economico sia un impatto positivo, concreto e misurabile, sulla società e sull’ambiente. Gli investimenti a impatto pertanto non sono da confondere con la filantropia, perché permettono di guadagnare, a tassi che possono essere più o meno vicini agli standard di mercato. Il cambiamento climatico e lo sviluppo economico restano i temi di punta per gli investitori americani, ma cresce anche l’interesse verso l’integrazione e l’equità.

Sanità Trump
Il campus del National Institutes of Health a Bethesda. La sanità è uno dei settori più toccati dalla scure di Trump. Foto © Mark Wilson/Newsmakers

I capitali privati compensano i tagli di Trump

Secondo il presidente di ImpactAssets Tim Freundlich, gli investitori sentono l’urgenza di intervenire con i loro capitali su quel divario che si sta venendo a creare per il cambiamento di rotta delle politiche governative. Nello specifico, Trump ha proposto un budget federale che, tra le altre cose, taglierà del 31 per cento i fondi per l’Agenzia per la protezione dell’ambiente (Environmental Protection Agency), del 20 per cento quello degli Istituti nazionali di sanità (National Institutes of Health) e del 13 per cento quello dell’agenzia per il dipartimento alla Casa e allo sviluppo urbano. Per tutta risposta, i privati investono sugli alloggi a prezzi accessibili e sulle cliniche rivolte alle donne. In altri termini, si fanno avanti proprio là dove verranno a mancare i fondi pubblici. Innescando un nuovo trend che varrà la pena di tenere d’occhio anche in futuro.

Armi Usa Trump
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump mentre tiene un discorso presso la National Rifle Association, la potente lobby americana delle armi ©Scott Olson/Getty Images

Investimenti, un dollaro su cinque è sostenibile

Secondo il Forum per gli Investimenti Sostenibili e Responsabili degli Stati Uniti (Us Sif), il mondo degli investimenti sostenibili vale 8.700 miliardi di dollari l’anno. È come dire che un dollaro su cinque, tra quelli che circolano nei mercati finanziari americani, in un modo o nell’altro prende in considerazione criteri ambientali, sociali e di governance (Esg) nella scelta delle realtà, dei progetti o delle aziende da finanziare. Una cifra che si è letteralmente moltiplicata negli ultimi anni e che non mostra segni di rallentamento.

 

Foto © Molly Riley-Pool/Getty Images

Articoli correlati