Un gelateria particolare…

Ingredienti biologici e del commercio equo e solidale: nasce la prima gelateria artigianale ispirata ai valori dell’ecologia.

Mielato, Guarapo, Mascobado, banana e rum, cioccolato e cannella,
cioccolato e caffè, tartufo al rum giamaicano: “i miei
gelati hanno i sapori e i nomi dell’equo e solidale – spiega Angelo
Panciera – e, entro breve, saranno certificati bio al 100%”.

La gelateria “Panciera” di Sarmeola di Rubano (Pd) apre nel 1997
con dell’ottimo gelato artigianale d’asporto. Ma il suo titolare,
Angelo Panciera, figlio d’arte, vuole di più. E’ attento
alla natura e sensibile alle tematiche sociali: nell’aprile 2003
rinnova la sua gelateria, la fa riaprire… stavolta all’insegna
dei valori del commercio equo e solidale. “Tutte le materie prime
provengono dall’agricoltura biologica, – continua Panciera – tranne
la farina di guar e carrube che uso come stabilizzante, l’unico. E
poi gli ingredienti arrivano dal sud del mondo. Persino le spezie
sono del commercio bio ed equo, anche le noci e le nocciole con cui
faccio le guarnizioni…”

Ma anche i prezzi sono equi?
“Attualmente sono ancora in fase di lancio del prodotto quindi il
prezzo è davvero ridotto al massimo… 90 cent a cono. Ma il
prezzo ‘normale’ non supererà comunque 1,10 euro! Già
molte persone hanno gustato questo gelato, che ha il valore
aggiunto della solidarietà e che rispetta la natura. Il
desiderio di diffondere questo tipo di consumo, consapevole, mi ha
spinto verso la realizzazione del mio progetto. In questo mi ha
aiutato la cooperativa ‘La Tortuga’ di Padova, da anni in prima
linea nella divulgazione dei valori ‘fair trade’, che si è
occupata del marketing e che mi fornisce le materie prime.”

Il prezzo “equo” del prodotto è indispensabile,
perché avvicina le persone, che poi scoprono, gustando un
buon gelato, che produrre e consumare con minor impatto sul mondo
è possibile.

 

Paola Magni

Articoli correlati