Volare in aliante in Valle d’Aosta

Si dice “volare a vela” ed è uno sport ma soprattutto una sensazione magnifica per chi ama le esperienze uniche e l’adrenalina pura. Andiamo in aliante in Valle d’Aosta.

Uno sport, una disciplina, una passione: l’aliante è un mezzo di trasporto atipico che regala grandi emozioni e sono sempre più numerose le persone che si cimentano nel “volo a vela“. In Italia, uno dei luoghi dove è più frequente vederli volare è la Valle d’Aosta: panorami mozzafiato assicurati.

Che cos’è un aliante?

L’aliante è un’aerodina – tutto chiaro – cioè un aeromobile più pesante dell’aria, che si sostiene in volo grazie alla reazione dinamica dell’aria contro le superfici alari e il cui volo libero non dipende da un motore. Gli alianti vengono usati principalmente a scopo sportivo e sono progettati per avere la minore resistenza aerodinamica possibile a parità di portanza e ciò viene ottenuto con ali ad alto valore di allungamento e cabine di pilotaggio strette e completamente carenate. Questi accorgimenti progettuali consentono di ottenere i più alti valori di efficienza aerodinamica tra gli aeromobili e di veleggiare per lunghe distanze e alte velocità, pur con piccole perdite di quota. Questa caratteristica è alla base della differenza tra alianti veleggiatori e libratori.

 

aliante
Volare in aliante in Valle d’Aosta

In aliante in Valle d’Aosta

Non va affrontato con leggerezza, anche se è capace di regalarne molta, ma non è nemmeno impossibile imparare a volare con l’aliante, anche se non lo si è mai fatto. L’importante è affidarsi a strutture professionali e certificate. In molti scelgono la Valle d’Aosta per cominciare ad avvicinarsi a questo mondo. Questa regione infatti è un paradiso in parte ancora inesplorato, del volo a vela. Le maestose montagne che la circondano, oltre a favorire la formazione di intensi movimenti termodinamici, in presenza di vento innescano imponenti movimenti ondulatori che rendono possibili voli di grande performance. Partendo da Aosta si raggiungono quote di oltre 10.000 m. e distanze superiori a 1.000 Km.  sulle ali dei vento, tra picchi e ghiacciai.

Per poterlo fare da soli occorre avere un brevetto per il volo a vela che si ottiene frequentando un corso di 15 ore di lezioni pratiche e 15 ore di lezioni teoriche in aula. Una volta superato questo primo step si può continuare e perfezionarsi nel volo in montagna e con vento, fino a svolgere attività di secondo livello con voli su costone e in presenza di vento.

 

L’Aero Club della Valle d’Aosta è attivo dal 1956 ed è una certezza per chi decide di intraprendere questa disciplina. Ci avviciniamo all’estate ed è interessante sapere che nei mesi di luglio e agosto si organizzano dei corsi intensivi della durata di 15 giorni: imparare e mettere subito in pratica la tecnica appresa. L’ambiente che il volovelista si trova di fronte è severo, spesso impegnativo, caratterizzato da pinnacoli strapiombanti, rocce scure stagliate sul cielo azzurro, ghiacciai scintillanti al sole, profonde e verdi valli, bianchi cumuli addossati alla montagna, e ancora: corvi, falchi, poiane, aquile.

Articoli correlati
La sorprendente geografia delle emissioni di CO2 delle auto in Italia

Analizzando la media delle emissioni di CO2 di auto e moto private nelle 20 regioni italiane, arrivano le sorprese. Secondo un’elaborazione Facile.it, ai primi due posti della classifica si trovano il Trentino Alto Adige (123 grammi per chilometro) e la Valle d’Aosta (121 grammi) che superano addirittura la Lombardia (ferma a 120 grammi).