A occhi nudi

Corsoveneziaotto Tega Arte Contemporanea, corso Venezia 8

Il titolo è un piccolo gioco di parole che sintetizza
bene i due temi presentati in questa mostra da Enzo Obiso,
indipendenti tra loro, ma allo stesso tempo collegabili. Da un lato
circa duecento piccole foto di occhi ripresi frontalmente, e
dall’altro un centinaio di nudi femminili. Le due serie sono
disposte con una studiata installazione sulle pareti di due spazi
indipendenti.

Dunque gli occhi non “guardano” direttamente i nudi, ma li hanno
sicuramente visti, almeno in parte, perchè sono tutti occhi
di artisti, critici, galleristi, collezionisti (e cioè gente
che in un modo o in un altro si occupa d’arte) conosciuti da Obiso
e ritratti nel suo studio. E anche tutti i nudi sono stati messi in
posa e fotografati in quell’ambiente, sempre rigorosamente con luce
naturale. Ed è per questo che l’atmosfera,
l’intensità della luce, la delicatezza delle ombre, e gli
oggetti presenti in scena ritornano continuamente in ogni foto,
anche se le modelle cambiano.

Il tema del nudo è forse…

Il tema del nudo è forse quello che più appassiona
l’artista, proprio perchè si tratta del più classico
dei soggetti, e rappresenta una sfida sia nei confronti della
tradizione che dell’attualità. E in effetti Obiso è a
suo modo un fotografo “classico”, perchè ama le pose
studiatissime, la nitidezza e la morbidità del bianco e
nero, un certo tipo di interventi colorati a mano, ma il suo
occhio, la sua sensibilità, la sua cultura sono estremamente
contemporanei.

Un altro tipo di sfida, apparentemente più concettuale,
è quella messa in atto con le fotografie degli occhi, che
vogliono indagare sulla natura e l’identità degli “sguardi
sull’arte”, lasciando fuori dall’inquadratura tutto il resto dei
volti.

Per dare un’idea di altri aspetti altrettanto interessanti
dell’ampia e raffinata ricerca dell’artista, verrà
proiettata su un muro una selezione di immagini che comprendono
anche in particolare paesaggi e nature morte.

Enzo Obiso è nato a Campobello di Mazara
nel 1954. Completa i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di
Torino dove dal 1974 inizia a esporre il suo lavoro in gallerie
d’arte e in spazi pubblici, ponendo al centro della sua ricerca
l’essere umano, che rappresenta attraverso il paesaggio, i luoghi,
gli oggetti e il corpo.
Dal 1998 insegna all’Istituto Europeo di Design di Torino del quale
dirige il dipartimento di Fotografia.

CORSOVENEZIAOTTO
Tega Arte Contemporanea
Corso Venezia 8 – Milano tel. 02-36505481/2 – email: [email protected]

Orari: Martedì-Sabato 10-13, 15.30-19.30.


Sonia Tarantola

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Narcolepsy

Narcolepsy. Milano, Fabbrica del Vapore. Dal 16 gennaio al 12 febbraio.

Kami

Kami è un lavoro fotografico sugli alberi percepiti dall’artista Daniela Buoncristiani come amici e custodi di misteriosi segreti.