Salute dei bambini

10 fatti sull’allattamento al seno secondo l’Oms

Un decalogo con la posizione dell’Oms sull’allattamento al seno: nutrimento essenziale per i bambini, da proteggere e incoraggiare. Ovunque.

È dal 2001 che l’Organizzazione mondiale della sanità ha definitivamente affermato che il latte materno è il primo, più importante e assolutamente preferibile modo di alimentare i neonati. Da allora, l’Oms ha lanciato linee guida, programmi informativi, patrocinato ricerche e campagne in tutto il mondo. Sia nei Paesi in via di sviluppo — afflitti da malnutrizione, carenza d’acqua e igieniche — sia in quelli occidentali, dove la morsa della pubblicità dei latti formulati ha per decenni fatto deviare il normale corso delle cose. E dove, a volte, la pruderie e la moralità ipocrita fanno addirittura sentire a disagio le mamme che lo fanno.

L’Oms afferma, in linea di principio, sull’allattamento al seno:

L’allattamento al seno è il modo normale di fornire ai bambini le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per la crescita e il sano sviluppo. Praticamente tutte le madri possono allattare, a condizione che abbiano informazioni accurate, il sostegno della famiglia, del sistema sanitario e della società in generale.

Il colostro, il latte materno giallino e denso prodotto alla fine della gravidanza, è raccomandato dall’Oms come il cibo perfetto per il neonato. La sua somministrazione deve iniziare entro la prima ora dopo la nascita.

L’allattamento al seno è raccomandato fino ai sei mesi di età; l’allattamento al seno continuato con il complemento di altri adeguati alimenti fino a due anni di età e oltre.

L’Oms è l’agenzia mondiale Onu per la salute

Fondata nel 1946 ed entrata in funzione nel 1948, con sede a Ginevra, l’Oms lavora con l’obiettivo statutario del raggiungimento da parte di tutte le popolazioni del mondo del livello più alto possibile di salute, definita nella costituzione non solo come assenza di malattie, ma come condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale.

10 fatti sull’allattamento al seno secondo l’Oms

L’allattamento al seno è dunque, secondo l’Oms, uno dei modi più efficaci per garantire la salute dei bambini e il tasso di sopravvivenza.

Se ogni neonato fosse allattato al seno entro un’ora dalla nascita, avesse solo latte materno per i primi sei mesi di vita e continuasse l’allattamento al seno fino all’età di due anni, 800.000 vite di bambini sarebbero salvate ogni anno. A livello globale, meno del 40 per cento dei bambini sotto i sei mesi di età sono allattati al seno. Certo, scrive l’Oms “adeguata consulenza e sostegno sono essenziali per le madri e le famiglie per avviare e mantenere pratiche di allattamento ottimali”.

L’Oms promuove attivamente l’allattamento al seno come la migliore fonte di nutrimento per i neonati e bambini piccoli. Il decalogo esplora i molti benefici della pratica, spiegando perché, con un forte sostegno alle madri, l’allattamento al seno può aumentare in tutto il mondo.

1. L’Oms raccomanda l’allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi di vita

Dopo i sei mesi, cibi solidi, come puree di frutta e verdura, dovrebbero essere introdotti per completare l’allattamento al seno fino a due anni o più. Inoltre:

  • l’allattamento al seno dovrebbe iniziare entro un’ora dalla nascita
  • l’allattamento al seno dovrebbe avvenire a richiesta del bambino, tutte le volte che vuole, giorno e notte
  • bottiglie o ciucci dovrebbero essere evitati.

2. I benefici per la salute per i neonati

Il latte materno è l’alimento ideale per neonati e lattanti. Dà ai bambini tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per un sano sviluppo. È sicuro e contiene anticorpi che aiutano a proteggere i bambini da malattie infantili comuni come la diarrea e la polmonite, le due cause primarie di mortalità infantile in tutto il mondo. Il latte materno è facilmente disponibile e accessibile, il che aiuta a garantire che i bambini ottengano sempre una nutrizione adeguata.

3. I vantaggi per le mamme

L’allattamento al seno è benefico anche per le madri. L’allattamento esclusivo è associato a un naturale metodo di controllo delle nascite (98% di protezione nei primi sei mesi dopo la nascita). Riduce i rischi di cancro al seno e alle ovaie, il diabete di tipo II, e la depressione post-partum.

Le mamme che allattano al seno avranno numerosi benefici in termini di salute:  L'allattamento al seno riduce il sanguinamento post-parto e il rischio di anemia. Nelle mamme che allattano al seno, il rischio di sviluppare il diabete di tipo II è ridotto. Si riduce il rischio di sviluppare un cancro al seno e alle ovaie. La possibilità di sviluppare l'osteoporosi si riduce di quattro volte. L'allattamento al seno riduce il rischio di soffrire di ansia e depressione dopo il parto.  L'allattamento al seno ritarda il ritorno del ciclo mestruale, ma non può essere utilizzato come metodo di controllo delle nascite. Allattare al seno aiuta a bruciare oltre 500 calorie al giorno e velocizza il ritorno al peso pregravidanza.
Le mamme che allattano al seno avranno numerosi benefici in termini di salute: L’allattamento al seno riduce il sanguinamento post-parto e il rischio di anemia. Nelle mamme che allattano al seno, il rischio di sviluppare il diabete di tipo II è ridotto. Si riduce il rischio di sviluppare un cancro al seno e alle ovaie. La possibilità di sviluppare l’osteoporosi si riduce di quattro volte. L’allattamento al seno riduce il rischio di soffrire di ansia e depressione dopo il parto. L’allattamento al seno ritarda il ritorno del ciclo mestruale. E aiuta a bruciare oltre 500 calorie al giorno e velocizza il ritorno al peso pregravidanza.

4. I benefici a lungo termine per i bambini

Al di là dei benefici immediati per i bambini, l’allattamento al seno contribuisce a una vita di buona salute dei futuri adulti. Gli adolescenti e gli adulti che sono stati allattati al seno da bambini hanno meno probabilità di essere in sovrappeso o obesi. Hanno meno probabilità di avere il diabete di tipo II e prestazioni migliori nei test di intelligenza.

5. Perché non latte artificiale

Il latte artificiale non contiene gli anticorpi presenti nel latte materno. I benefici a lungo termine di allattamento al seno per le madri ed i bambini non possono essere replicati con latte artificiale. Quando il latte artificiale non è adeguatamente preparato, ci sono rischi derivanti dall’uso di acqua non potabile e strumenti non sterilizzati, dalla potenziale presenza di batteri nel latte in polvere. La malnutrizione può derivare da un eccesso di diluizione della formula per “allungarla” eccessivamente e far durare di più il latte in polvere. Mentre poppate frequenti mantengono la produzione di latte dal seno, se si comincia a utilizzare il latte artificiale e poi diventa non più disponibile, il ritorno al seno potrebbe non essere più un’opzione a causa della produzione di latte materno diminuita.

6. Hiv e allattamento al seno

Una madre con infezione da Hiv può passare l’infezione al suo bambino durante la gravidanza, il parto e attraverso l’allattamento al seno. Tuttavia, farmaci antiretrovirali (ARV) somministrati sia alla madre sia al bambino esposti all’Hiv riduce il rischio di trasmissione. Insieme, l’allattamento al seno e gli Arv hanno il potenziale per migliorare in modo significativo le possibilità di migliorare notevolmente le possibilità di sopravvivenza dei neonati. L’Oms raccomanda che quando le madri affette da Hiv allattano, dovrebbero ricevere i farmaci Arv a seguire le linee guida l’Oms per l’alimentazione infantile.

Una madre allatta al seno nell'ambito di un programma Unicef nel villaggio di Garin Badjini nel sud-est del Niger.
Una madre allatta al seno nell’ambito di un programma Unicef nel villaggio di Garin Badjini nel sud-est del Niger.

7. Stretta regolamentazione dei sostituti del latte materno

Un codice internazionale per regolamentare la commercializzazione dei sostituti del latte materno è stato adottato nel 1981. Richiede:

  • che tutte le confezioni riportino etichette e informazioni estensive per comunicare i benefici dell’allattamento al seno e dei rischi per la salute dei sostituti
  • nessuna pubblicità dei sostituti del latte materno
  • divieto di distribuzione di campioni gratuiti di latti artificiali da dare alle donne in gravidanza, madri o le loro famiglie
  • nessuna distribuzione di sostituti del latte materno gratis o con sussidi agli operatori, negli ospedali né in qualunque struttura sanitaria.

8. Il supporto per le madri è essenziale

L’allattamento al seno deve essere insegnato, e molte donne incontrano difficoltà all’inizio. Molte pratiche di routine, come la separazione della madre e del bambino, l’uso di asili nido appena nati, e la supplementazione con latte artificiale, in realtà rendono più difficile per le madri e i neonati allattare al seno. Le strutture sanitarie che supportano l’allattamento al seno, evitando queste pratiche, dovrebbero fornire consulenti per le neo mamme e incoraggiare più alti tassi di pratica. Per fornire questo supporto e migliorare la cura per le madri e i neonati, ci sono servizi in circa 152 paesi grazie all’iniziativa Who-Unicef Baby-friendly Hospital Initiative.

9. Lavoro e allattamento al seno

Molte madri che tornano a lavorare abbandonano l’allattamento al seno parzialmente o completamente, perché non hanno il tempo sufficiente o un luogo per allattare al seno, estrarre e conservare il loro latte. Le madri hanno bisogno di un posto sicuro, pulito e privato nella zona del loro posto di lavoro per continuare l’allattamento al seno. In questo senso possono essere d’aiuto permessi di maternità e ferie pagate, forme di lavoro part-time, asili nido, strutture in loco per conservare il latte materno.

10. Il passo successivo: la fase degli alimenti solidi

Per soddisfare le crescenti esigenze dei bambini a sei mesi di età, i cibi solidi in purea dovrebbero essere introdotti come complemento all’allattamento al seno. Alimenti per il bambino possono essere appositamente preparati o modificati da pasti in famiglia. L’Oms rileva che:

  • l’allattamento al seno non deve essere ridotto quando si inizia su solidi
  • il cibo deve essere somministrato con un cucchiaio o una ciotolina, non in una bottiglia
  • il cibo deve essere pulito e sicuro
  • un ampio margine di tempo deve essere concesso ai bambini per imparare a mangiare cibi solidi.

I dieci passi Unicef-Oms per gli Ospedali amici dei bambini

Dalla teoria alla pratica, sul campo: l’Oms ha scritto insieme con l’Unicef un decalogo di misure pratiche che ogni struttura sanitaria — in tutto il mondo — può e deve dimostrare di rispettare prima di poter essere riconosciuta “Ospedale Amico dei Bambini”.

  1. Definire un protocollo scritto per l’allattamento al seno da far conoscere a tutto il personale sanitario
  2. Preparare tutto il personale sanitario per attuare compiutamente questo protocollo
  3. Informare tutte le donne in gravidanza dei vantaggi e dei metodi di realizzazione dell’allattamento al seno
  4. Mettere i neonati in contatto pelle a pelle con la madre immediatamente dopo la nascita per almeno un’ora e incoraggiare le madri a comprendere quando il neonato è pronto per poppare, offrendo aiuto se necessario.
  5. Mostrare alle madri come allattare e come mantenere la secrezione lattea anche nel caso in cui vengano separate dai neonati
  6. Non somministrare ai neonati alimenti o liquidi diversi dal latte materno, tranne che su precisa prescrizione medica
  7. Sistemare il neonato nella stessa stanza della madre ( rooming-in ), in modo che trascorrano insieme ventiquattr’ore su ventiquattro durante la permanenza in ospedale
  8. Incoraggiare l’allattamento al seno a richiesta tutte le volte che il neonato sollecita nutrimento
  9. Non dare tettarelle artificiali o succhiotti ai neonati durante il periodo dell’allattamento
  10. Promuovere la collaborazione tra il personale della struttura, il territorio, i gruppi di sostegno e la comunità locale per creare reti di sostegno a cui indirizzare le madri alla dimissione dall’ospedale.

 

Articoli correlati