Rimedi naturali

Ansia, erbe calmanti e rimedi naturali per alleviarne i sintomi

Come farsi passare l’ansia? La risposta la troviamo nelle piante che fungono da calmanti naturali e nei rimedi omeopatici.

La resistenza agli stati d’ansia è una continua misura personale verso la paura, un perpetuo tentativo di vanificarla o quanto meno di tenerla a bada. Ognuno usa le proprie strategie, ognuno ha un proprio rituale, semplice o complesso, ma necessario. Dalle unghie morsicchiate ai quadri raddrizzati, dalla superstizione all’ordine maniacale, dalla sigaretta al cibo ingurgitato. Il rituale è una soluzione possibile, una risposta logica all’ansia, che però può diventare un circolo vizioso: dapprima seda la paura poi innesca una dipendenza.

sintomi ansia
Ognuno di noi manifesta l’ansia in maniera differente. ©Russell Johnson/Getty Images

Il disturbo ossessivo-compulsivo ne è l’esasperazione, nei suoi aspetti più classici. Il controllo innanzitutto: verificare più volte di aver spento il gas o le luci della macchina, sentirsi in colpa per possibili omissioni che potrebbero causare catene di eventi negativi. La superstizione è anch’essa un rituale di neutralizzazione, dalla lettera ricevuta on-line e girata a nove persone, al gatto nero che taglia la strada fino alla ripetizione meticolosa di sequenze destinate a propiziare un esame o il successo della squadra del cuore.

Nemmeno ordine e simmetria sfuggono alla logica: pulizia estrema, ripetuti lavaggi di mani per non contrarre germi, scrivanie con matite in fila in ordine decrescente, vasetti di yogurt in fila in ordine di scadenza, armadi maniacali. Chiamatevi fuori. Impossibile. Grande o piccino ognuno ha il suo rituale, e dunque a ciascuno il proprio rimedio.

ordine pulizia
L’ordine maniacale è manifestazione del desiderio di avere tutto sotto controllo, onde evitare situazioni potenzialmente pericolose. ©Getty Images

Come calmare l’ansia con l’omeopatia

Aconitum

Adatto per le crisi d’ansia e anche di angoscia, specie se l’insorgenza è improvvisa e notturna, se presenta anche sintomi fisici come formicolii, difficoltà a coordinare i muscoli, anche respiratori, e sensazione di oppressione al petto, oltre alla paura della morte. Aconitum è l’attacco di panico, la reazione improvvisa del corpo che non possiamo dominare. 30 CH 5 granuli mattina e sera, prima dei pasti principali, da sciogliere in bocca.

Argentum Nitricum

Ossessivo compulsivo è l’indicazione giusta per questo meraviglioso rimedio, per le persone con forte ansia anticipatoria che conduce spesso a fobia, ma anche ad atteggiamenti concitati, ossessivi, ripetitivi, dominati dalla paura. Spesso i sintomi sono anche fisici con diarrea, difficoltà nell’eloquio o capogiri. Argentum nitricum è una possibilità per gli sfiduciati, per trovare la forza di percorrere fino in fondo la propria strada. 30 ch, 5 granuli mattina e sera, prima dei pasti principali, da sciogliere in bocca.

rimedi omeopatici ansia
A seconda del grado di disturbo, vengono somministrati diversi rimedi omeopatici. ©Ingimage

Gelsemium

Rimedio omeopatico per l’ansia anticipatoria, che sfinisce la persona prima di un esame o di una grande prova. La serenità viene proprio a mancare in relazione a questa scadenza, fino a provocare tremori, crisi di dissenteria, sogni ricorrenti di disfatta. Il timore di non farcela è spesso fuori luogo, mina la serenità anche di chi è all’altezza della situazione, ma non riesce comunque ad esprimersi al meglio per l’insicurezza. 30 CH, 5 granuli mattina e sera, prima dei pasti principali, da sciogliere in bocca.

Le erbe contro l’ansia

Camelia Sinensis

È la pianta da cui originano tante varietà di tè. Nelle sue radici è presente la molecola L-teanina, precursore del GABA, mediatore dell’ansia insieme a Serotonina e Noradrenalina. La carenza di questi mediatori di felicità è il primo sistema di innesco dell’ansia. Una regolare assunzione di tè verde, oppure di Camelia Sinensis in estratto secco, è una buona ricetta fitoterapica per il disturbo ossessivo dell’ansia. 150 ml al giorno (1 confetto).

Iperico

L’ipericina e l’iperforina in esso contenuti inibiscono il riassorbimento del GABA, della Serotonina e della Noradrenalina da parte delle cellule nervose, e dunque aumentano il loro livello circolante. Dunque l’iperico è un ansiolitico naturale, ma anche un mite antidepressivo. Utile nelle sindromi miste, dove la depressione è un trabocchetto dell’ansia, dell’incapacità di controllo, è l’esito peggiore dell’insuccesso personale. Compresse da 200 mg, un confetto mattina e sera.

cure naturali ansia
Allo stesso modo dell’omeopatia, anche le piante e le erbe possono essere d’aiuto. ©Getty Image

Terapia biotransenergetica

Se il problema è nella mente allora meglio andare oltre la mente. La BTE è una disciplina psico-spirituale, che insegna a padroneggiare l’esperienza interiore e gli stati di coscienza. È una pratica di auto-guarigione che parte da una trasposizione della coscienza stessa, in un territorio dove la mente sia meno potente: uno stato di “trans” per l’appunto, raggiunto attraverso respirazione quieta, meditazione e pratiche fisiche.

La persona viene accompagnata dal terapeuta in questo spazio nuovo, assistita mentre guarda, parla, si affida alla sua paura. Controllare una paura è la strategia del rituale d’ansia, affidarsi ad essa è un viaggio da eroi: restare senza scappare, restare e basta, guardare dentro la paura senza offrire strategia. E scoprire che è proprio così che i problemi non si risolvono, ma si dissolvono.

Articoli correlati