L’Australia è spaccata a metà. Incendi a ovest, inondazioni a est

Non c’è pace in Australia, divisa tra incendi boschivi e piogge torrenziali. Il fattore comune è un clima sempre più estremo.

Da sempre il clima in Australia è vario, talvolta imprevedibile. Il riscaldamento globale, però, sta spingendo questa caratteristica fino alle sue estreme conseguenze. “Per molti australiani, un meteo moderato – un’estate gradevole, un anno senza uno stato di emergenza – appare sempre più come un lusso”, si legge sul New York Times. L’ennesima, drammatica dimostrazione è arrivata nel fine settimana a cavallo tra il 10 e il 12 dicembre, quando la costa occidentale è stata flagellata dagli incendi, proprio mentre le regioni orientali erano alle prese con piogge torrenziali.

incendio, australia, foresta
Una veduta aerea dei pini devastati dall’incendio nella foresta di Stromlo, vicino alla periferia di Duffy e Chapman, nel 2003 a Canberra, Australia ©Daniel Berehulak/Getty Images

Gli incendi nella costa occidentale dell’Australia

Era mercoledì 8 dicembre quando è stato lanciato l’allarme per due roghi (di cui non si esclude l’origine dolosa) divampati nella costa occidentale dell’Australia, circa 300 chilometri a sud di Perth. Il primo nel parco nazionale di Leeuwin-Naturaliste, il secondo nella città di Yallingup. Gli abitanti della zona sono immediatamente stati evacuati dalle loro abitazioni e ospitati in un centro di ristoro allestito a Margaret River. Il 12 dicembre il livello di allerta era stato abbassato, anche grazie all’incessante lavoro di oltre 150 vigili del fuoco, ma i danni alle foreste della zona sono stati comunque ingenti. Abc News parla di un territorio di circa 50 chilometri quadrati coinvolto dalle fiamme.

Le piogge torrenziali nel Nuovo Galles del Sud

Gli incendi sono un ricordo molto vivo anche per gli abitanti del Nuovo Galles del Sud, reduci da due stagioni – quelle del 2019 e del 2020 – che hanno battuto ogni record. Le stesse famiglie che uno o due anni fa si sono trovate circondate da un tappeto di cenere oggi sono immerse nel fango fino alle caviglie.

Anche per via del fenomeno meteorologico noto come La Niña, infatti, il mese di novembre 2021 è stato il più freddo e piovoso da oltre un secolo. E in questa prima metà di dicembre la zona di Sydney si è trovata alle prese con violenti temporali e con le cosiddette flash floods, le alluvioni lampo. L’agenzia France 24 parla di 21 centimetri di pioggia caduti nell’arco di 24 ore, tra il 9 e il 10 dicembre. Una donna di 37 anni è stata trovata morta, dopo essere stata travolta dall’inondazione.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi